Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Cosa nostra, sequestro al geometra Giuseppe Li Pera
Da collaboratore di giustizia parlò del sistema Siino

Il provvedimento nasce dall'iniziativa della Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta ed è stato emesso dal tribunale nisseno. La figura del 71enne di Polizzi Generosa ha attraversato gli ultimi quarant'anni di storia siciliana

Redazione

Sequestro di beni da parte della Dia di Caltanissetta nei confronti di Giuseppe Li Pera. Il 71enne originario di Polizzi Generosa è un volto noto alle cronache siciliane. Attivo sulla scena imprenditoriale a partire da metà anni Ottanta, è accusato di avere accumulato il proprio patrimonio stando a stretto contatto con i vertici di Cosa nostra. D'altra parte Li Pera nel 2007 è stato condannato per associazione mafiosa, dopo oltre 15 anni in cui è stato anche collaboratore di giustizia

Sull'anziano geometra posero gli occhi anche i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nell'ambito dell'inchiesta su mafia e appalti. Li Pera sarebbe stato uno dei soggetti più in vista nel cosiddetto sistema Siino, con cui Cosa nostra controllava gli appalti pubblici con la compiacenza di politici e funzionari. A quell'epoca l'uomo era dipendente della Rizzani de Eccher, società del Nord attiva nei lavori pubblici. Tuttavia Li Pera avrebbe lavorato non solo per favorire l'impresa, ma anche per allacciare rapporti con i boss, rapporti che in futuro gli avrebbero consentito una più facil ascesa imprenditoriale.

Di questo è convinta la Dia che ha chiesto e ottenuto dal tribunale di Caltanissetta il via libera al sequestro. Dalle indagini condotte dalla Direzione investigativa antimafia è emerso che Li Pera, tramite un complesso reticolo societario riconducibili a familiari e perosne di fiducia, avrebbe continuato a fare affari all'ombra della mafia. Nel portfolio di investimenti del 71enne ci sono parchi eolici in provincia di Catania, Messina e Trapani, la costruzione di residence e immobili commerciali a Serradifalco, nel Nisseno, ma anche lungo il litorale tirrenico che da Trabia porta a Campofelice di Roccella. 

La vicinanza di Li Pera a Cosa nostra lo ha portato ad avere rapporti con figure del calibro di Antonino e Giovanni Buscemi, Giovanni Brusca, Angelo Siino, Mario Giuseppe Scinardo, Vito Nicastri, Francesco Scirocco, Diego Rinella, Calogero Pulci. Li Pera è stato anche vicino all'imprenditore Pietro Di Vincenzo, in passato numero uno di Confindustria e destinatario di una confisca di beni dall'ingente valore.

Il provvedimento del tribunale riguarda beni per oltre dieci milioni di euro ed è costituito dal compendio aziendale delle società Sigi srl (soltanto omonima di quella coinvolta attualmente nella trattativa per l'acquisto del Calcio Catania, ndr), Immobil. Bi srl, San Nicola's Costruzioni srl; dalle quote di Li Pera nelle società Parco delle Maccalube campus srl, Rochel srl, Altarello Costruzioni srl, Centounopini Costruzioni srl, Studio 58 srl. Sequestrati anche nove immobili e 150 rapporti bancari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews