Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

In casa di riposo l'82enne che ha ucciso Giusy Ponte
La mattina del delitto la donna aveva chiamato il 112

Il gip ha accolto la richiesta dell'avvocata Loredana Battaglia e adesso Antonino Zocco è agli arresti domiciliari in una struttura la cui località resta segreta. L'anziano, davanti al pm, aveva confessato di avere ucciso la 39enne con cui aveva avuto una relazione

Marta Silvestre

Dopo un mese trascorso nella casa circondariale di Brucoli, l'82enne lentinese Antonino Zocco si trova adesso agli arresti domiciliari in una casa di riposo. La richiesta avanzata dall'avvocata Loredana Battaglia, che assiste l'anziano accusato di avere ucciso con due colpi di pistola la sua ex compagna e convivente di 39 anni Giusy Ponte, è stata accolta dal gip del tribunale di Siracusa Andrea Migneco

Durante l'interrogatorio davanti al pubblico ministero di Siracusa Marco Dragonetti, nelle ore successive al delitto, l'anziano aveva confessato di avere ammazzato la donna per il sospetto di un furto. «L'avevo accolta a casa e lei mi ha derubato - aveva raccontato Zocco parlando in dialetto - Avevo in casa una banconota da 50 euro che non sono più riuscito a trovare. È stata lei, ne sono certo». Un movente che, però, non sarebbe solo di natura economica. L'82enne bracciante agricolo, padre di nove figli e con un matrimonio e una convivenza andati male alle spalle, avrebbe raccontato anche di essersi sentito «preso in giro».

I due, che si conoscevano da circa quattro anni, in passato avevano avuto una relazione e avevano anche convissuto in quella casa. Il rapporto era poi finito, ma il legame tra i due sarebbe rimasto. Tanto che la donna qualche volta sarebbe tornata a pranzare da Zocco. Anche dopo l'inizio della sua relazione con un nuovo compagno. È dopo un litigio con lui che, il 5 giugno, Giusy Ponte torna a bussare a casa dell'anziano per chiedergli ospitalità. Lui l'accoglie. Stando a quanto emerso dalle indagini, la mattina del 9 giugno, tra i due nasce un'accesa lite al culmine della quale l'anziano avrebbe impugnato una pistola calibro 6.35 che deteneva illegalmente. La vittima avrebbe provato a ripararsi dietro una porta ma è stata raggiunta all'addome da due spari che le sono stati fatali. 

Circa un'ora prima di morire, la 39enne per due volte avrebbe chiamato al numero unico per le emergenze (il 112) per chiedere aiuto. Nessuno sarebbe però intervenuto. Giusy Ponte muore nel giorno in cui avrebbe dovuto presentarsi davanti al gip per la convalida del provvedimento di allontanamento dalla casa del convivente a cui, qualche giorno prima, aveva inferto una coltellata durante un litigio. Per questo era andata a casa dell'82enne che adesso è accusato di omicidio volontario. La scelta dei domiciliari in una struttura - la cui località resta segreta - è stata dettata non solo dal fatto che la casa di Zocco è ancora sotto sequestro dopo i rilievi dei Ris, ma anche perché davanti a quell'abitazione di via Sicilia, in pieno centro storico a Lentini, sarebbero stati anche lasciati dei mazzi di fiori

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews