Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Treni, via libera al raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo
«Ripristino Alcantara-Randazzo? Basterà il progetto»

Nei giorni scorsi il ministero delle Infrastrutture ha dato il parere sull'opera da 2,3 miliardi che dovrebbe garantire una velocizzazione della tratta Messina-Catania. La soddisfazione di Associazione Ferrovie Siciliane e Sicilia in Progress

Redazione

Per far partire il raddoppio della ferrovia Messina-Catania, nel tratto che collega Giampilieri a Fiumefreddo, basterà soltanto progettare il ripristino della ferrovia dismessa Alcantara-Randazzo. Il punto d'incontro tra Rfi e governo nazionale, che aveva accolto la richiesta arrivata dal territorio di pensare a una seconda vita della strada ferrata che attraversava la Valle ma che da quasi un decennio è dismessa, è stato trovato dopo due mesi in cui si è temuto che l'iter per il raddoppio potesse subire una brusca fermata.

All'origine c'erano stati i pareri della commissione Via-Vas del ministero dell'Ambiente che vincolavano i due progetti. Nei giorni scorsi, invece, è stato il ministero delle Infrastrutture a chiarire come le prescrizioni siano più morbide. «Nel parere integrativo del 28 febbraio 2020, il ministero, esaminate le richieste di Rfi, decideva di glissare sulle norme tecniche, mentre manteneva la prescrizione sul ripristino della linea dismessa dell’Alcantara - si legge in una nota dell'Associazione Ferrovie Siciliane e di Sicilia in Progress -. In tal senso, si legge nel parere che la linea va semplicemente progettata, e non certo realizzata prima che si metta mano al raddoppio ferroviario sulla Messina-Catania. Una decisione di buon senso che accogliamo con grandissima soddisfazione».

Le due associazioni, tra i principali sostenitori, dell'opportunità di dare una nuova vita alla Alcantara-Randazzo collecandola alla Circumetnea specificano «mai avremmo voluto che le nostre richieste, recepite nel parere del ministero dell’Ambiente, divenissero ostative al raddoppio ferroviario, che consideriamo improcrastinabile. Al proposito - concludono - quanto abbiamo letto nel parere ministeriale ci rassicura. Se poi consideriamo che lo stesso progetto di raddoppio prevede la permanenza in esercizio della storica stazione di Taormina-Giardini».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews