Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid, Regione invia commissione d'inchiesta a Enna
Il direttore si dimette, ma Razza lo invita a ripensarci

È la provincia con più alto numero di contagi in rapporto ai residenti e ha due dei quattro Comuni dichiarati zona rossa: Agira e Troina. Oggi l'assessore alla Salute ha annunciato di volere approfondire come è stato gestito l'ospedale

Salvo Catalano

I contagi da Covid-19 in provincia di Enna finiscono al centro delle polemiche. L'assessore regionale alla Salute Ruggero Razza oggi ha comunicato la nomina di un gruppo di lavoro e di una commissione d'inchiesta per verificare «i fatti sin qui verificatisi» e «prospettare alla governance dell'Azienda sanitaria provinciale adeguate soluzioni (cliniche, gestionali e organizzative) di supporto e di affiancamento». In particolare l'attenzione ricadrebbe sulla gestione interna all'ospedale Umberto I, dove l'ultimo piano è stato interamente dedicato ai pazienti positivi e interi reparti sono stati trasferiti a Piazza Armerina. Anche al pronto soccorso è stato creato un doppio ingresso. Provvedimenti che, però, non sono riusciti a rendere immune il personale sanitario dal contagio: quattro medici e cinque infermieri sono stati infettati.

La decisione del governo regionale ha portato immediatamente il direttore generale dell'Asp, Francesco Iudica, ad annunciare le sue dimissioni. Ma appena qualche ora dopo è lo stesso Razza a intervenire per invitare Iudica a ritirarle. «Apprezzo molto il gesto di grande signorilità del direttore. Tuttavia, non ritengo sussistano le ragioni per le sue dimissioni», afferma l'assessore. 

Durante l'emergenza la provincia di Enna è stata una di quelle più colpite dal virus. Con i suoi 293 positivi è la quarta in Sicilia per numero totale di contagi, la prima in rapporto al numero di residenti. Colpa, in particolare, di due focolai: quello di Troina (su cui, dopo il commissariamento dell'Oasi da parte della Regione, proprio ieri la Procura ha aperto un'inchiesta) e quello del triangolo Leonforte-Assoro-Agira. Ed è anche la provincia dove si concentrano due dei quattro Comuni dichiarati dal presidente Nello Musumeci zona rossa: Agira e Troina. Ventuno, in totale, il numero di morti con Covid-19 accertati. 

Oggi, quindi, la decisione di Razza di nominare una commissione d'inchiesta - costituita da Maria Grazia Furnari, Giuseppe Liberti e Vincenzo Parrinello - e un gruppo di lavoro formato da Sebastiano De Maria e Anna Maria Longhitano. La stessa cosa era stata decisa dalla Regione a Siracusa, in quel caso per approfondire il decesso del direttore del parco archeologico Calogero Rizzuto (su cui è aperta anche un'indagine della Procura), a cui è seguita anche la morte della sua collaboratrice Silvana Ruggeri. Non solo: a Siracusa, ancora prima, la Regione aveva inviato un gruppo di lavoro per affiancare l'Asp nella gestione dell'emergenza. 

Ma se nel capoluogo aretuseo i vertici dell'azienda sanitaria sono rimasti al loro posto, a Enna la reazione di Iudica è stata immediata. «Doveroso», secondo quanto scrive il direttore generale in una lettera, il passo indietro per «garantire che le attività delle dette commissioni possano svolgersi con piena libertà di azione» e per assumere, «ove ve ne fossero, tutte le responsabilità in capo a me, non avendo nulla da rimproverare alle persone che con generosità, competenza, dedizione hanno consentito che la Provincia di Enna potesse mettere a disposizione della popolazione il più alto numero di posti letto Covid in Sicilia». Iudica nella nota difende il personale che «ha affrontato in modo magistrale, e di questo sono loro infinitamente grato, le difficoltà di un impatto in nessuna altra provincia così massivo». «Bisognerebbe fare un monumento alle persone che lavorano nell'ospedale - aggiunge, sentito da MeridioNews - abbiamo raddoppiato i posti di rianimazione, in totale sono 170 i posti letto dedicati a pazienti Covid, uno ogni 965 abitanti, pensare che a Palermo ne ha uno ogni duemila abitanti...».

Ma l'assessore Razza invita a ripensarci. «Di questi tempi - scrive l'esponente della giunta regionale - accertare se nella manifestazione di cluster nosocomiali o nella separazione delle aree destinate a pazienti Covid vi sia stato qualche errore o meno assume particolare rilievo: consente, infatti, all’opinione pubblica di sentirsi adeguatamente assistita. Nessuno ha mai dovuto fare i conti con una pandemia e, oggi, la Sicilia sta mostrando di aver fatto scelte giuste, che hanno prodotto effetti positivi. C’è ancora molto da fare e abbiamo assoluto bisogno del lavoro di tutti». Il direttore Iudica si sarebbe preso qualche ora di tempo per decidere se andare fino in fondo o rimanere al suo posto. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews