Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus: proteste a Villa, mezzi pesanti a rilento
Chi è diretto in Sicilia controllato sulla Salerno-Reggio

Alcune decine di persone hanno bloccato gli imbarcaderi in Calabria. Camion e tir sono stati dirottati al porto di Reggio Calabria dove però ci sono disagi, perché può attraccare solo una nave per volta. E intanto controlli obbligatori in autostrada

Salvo Catalano

Il blocco a Villa San Giovanni di chi non ha un motivo ritenuto valido per tornare in Sicilia sta creando notevoli problemi anche al traffico merci. Da stamattina nel piazzale della cittadina calabrese alcune decine di persone protestano perché, con l'applicazione stringente dei controlli scattata ieri, è impedito loro di traghettare verso Messina. Stando alle forze dell'ordine addette ai controlli, la ragione del loro rientro non è né legata a motivi di lavoro, né di salute, né ha il carattere dell'urgenza. Non si passa. 

I mezzi fermi, stando a quanto riferisce il sindacato Uiltrasporti, sarebbero un centinaio, compresi alcuni furgoni e roulotte. Tra chi protesta ci sarebbero anche lavoratori impegnati fino a pochi giorni fa in Nord Italia e qualcuno in altri Paesi europei e che, una volta arrivati a Villa San Giovanni, non hanno altro posto dove dormire se non la propria auto. 

La tensione è salita stamattina quando un gruppetto ha bloccato l'ingresso agli imbarcaderi. Anche i mezzi pesanti sono stati fermati. Così la prefettura di Reggio Calabria ha disposto di trasferire tutto il traffico merci da Villa San Giovanni al porto di Reggio Calabria. Che però non ha le infrastrutture in grado di reggere l'afflusso di camion e tir, in un momento di forte stress per l'intero sistema di approvvigionamento delle merci. «Il porto di Reggio ha un solo approdo - spiega Michele Barresi, sindacalista della Uiltrasporti - significa che le navi devono attraccare una per volta. Caricare e scaricare. Servono minimo 40 minuti a nave». 

All'ora di pranzo le immagini mostrano il porto reggino congestionato dai mezzi pesanti. E la situazione rimane critica anche nel pomeriggio. Se questi ritardi avranno riflessi sull'approvvigionamento delle merci si capirà solo a partire da domani. «Questo è il risultato di un sistema sbagliato, con controlli che dovrebbero essere fatti a monte per un decreto che va rivisto - dichiara la UIltrasporti Messina - limitando il traghettamento passeggeri solo ai pendolari appiedati e alle vetture di sanitari e forze dell’ordine».

Intanto per evitare ulteriori file, blocchi e proteste a Villa San Giovanni, la prefettura di Reggio ha deciso di controllare le auto dirette agli imbarchi sull'autostrada del Mediterraneo (l'ex Salerno-Reggio Calabria). L'Anas ha attivato un presidio nell'area di servizio di Rosarno Ovest. Il traffico viene quindi obbligatoriamente convogliato lì, dove «la polizia stradale procede alla verifica della effettiva legittimità degli spostamenti sul territorio regionale calabrese e/o verso gli imbarchi di Villa San Giovanni per la Sicilia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews