Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La notte allo Stretto di Messina, i primi respingimenti
Denunciati pure 4 Erasmus di ritorno dalla Slovacchia

Abbiamo trascorso parte della notte agli imbarcaderi di Messina. Dopo lo scontro politico istituzionale tra Musumeci e il Viminale, si stringono le maglie dei controlli. Diversi i denunciati. Tra questi, quattro ragazzi vittime di una storia paradossale. Guarda il video

Salvo Catalano

Dalla quarta e ultima nave, quella delle 22, sbarcano una quarantina di auto. In totale il giorno prima da Villa San Giovanni a Messina erano stati circa 270 i mezzi arrivati, stando ai numeri forniti dalla Caronte. No, nelle ultime 48 ore in Sicilia non c'è stato un controesodo. Lo dicono i numeri, in calo rispetto ai giorni precedenti. Ma solo da ieri c'è stato un netto cambio di passo che ha permesso l'applicazione del decreto interministeriale che vieta di spostarsi dal Comune dove ci si trova. Con circa 12 ore di ritardo, visto che, una volta emanato il 22 marzo, sarebbe dovuto essere subito esecutivo. E invece la prima sera col decreto in vigore non era cambiato nulla. Cosa che ha fatto infuriare il presidente Nello Musumeci e innescato il durissimo botta e risposta col Viminale.

I controlli hanno quindi prodotto i primi risultati. Bisognerà vedere se, passata la burrasca figlia dello scontro politico-istituzionale, il livello delle verifiche rimarrà così alto. Non più solo rilevamento della temperatura e ritiro delle autocertificazioni. Stavolta, molte di quelle giustificazioni non sono state ritenute valide. Lo abbiamo constatato rimanendo agli imbarcaderi da metà pomeriggio fino a notte inoltrata. Respingimenti, i primi da quando è scattata l'emergenza Coronavirus, su entrambe le sponde dello Stretto. Decine di persone rimaste a Villa San Giovanni. Qualcun altro non ha potuto prendere il traghetto a Messina per la Calabria. Tra questi ultimi anche un gruppo di operai di Matera che da 15 giorni lavorava in Sicilia. Il lavoro è finito, l'albergo dove hanno alloggiato ha chiuso. Ma loro non possono rientrare a casa. Stessa sorte per un turista norvegese, che voleva raggiungere Roma dove lo aspettava un aereo per tornare in patria. 

Nelle maglie dei controlli finiscono anche storie paradossali. Come quella di quattro Erasmus siciliani dell'Università di Catania, partiti 24 ore prima da Zilina, in Slovacchia. «Hanno chiuso le frontiere - raccontano a MeridioNews - ma l'ambasciata italiana ci ha messo a disposizione un pullman, che abbiamo pagato, per arrivare al confine fino a Tarvisio. Da lì abbiamo raggiunto Udine dove abbiamo affittato questa macchina per tornare in Sicilia. Arrivati a Messina ci hanno denunciato. Che senso ha?».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews