Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rito abbreviato per autista del Suv che uccise cuginetti
Greco è accusato di duplice omicidio stradale aggravato

Il procuratore di Ragusa Fabio D'Anna aveva formulato la richiesta del rito immediato al giudice per le indagini preliminari. «L'imputato - fanno sapere i legali - ha scelto un rito alternativo». L'udienza è stata fissata per il prossimo 20 marzo

Marta Silvestre

Sarà giudicato con il rito abbreviato Rosario Greco, l'uomo che lo scorso 11 luglio con il suo Suv ha travolto e ucciso i due cuginetti di Vittoria Alessio e Simone D'Antonio. Il procuratore di Ragusa Fabio D'Anna aveva formulato la richiesta di rito immediato al giudice per le indagini preliminari Andrea Reale. Greco dovrà rispondere di duplice omicidio stradale aggravato dall'alterazione psicofisica dovuta all'utilizzo di sostanze alcoliche e stupefacenti. L'udienza è stata fissata per il prossimo 20 marzo

«L'imputato - fanno sapere gli avvocati difensori Salvatore e Nunzio Citrella - ha scelto di avanzare richiesta di definizione del giudizio con il rito abbreviato, rinunciando al proprio diritto di formazione della prova in contraddittorio e riducendo i tempi della definizione del giudizio; la scelta comporta che, in caso di condanna, la pena venga ridotta di un terzo». 

I due cuginetti stavano giocando sull'uscio di casa quando sono stati travolti dalla Jeep Renegade guidata da Greco, 37enne in odore di mafia, arrivato a folle velocità, nonostante la strada stretta. Il conducente aveva bevuto e assunto cocaina. Il più piccolo, Alessio (di 11 anni) è morto sul colpo. La notizia della morte di Simone (12 anni) è arrivata nella mattinata in cui a Vittoria si stavano svolgendo i funerali del cuginetto.

Greco è figlio dell'imprenditore Elio, re degli imballaggi accusato di stretti legami con la mafia. A bordo dell'auto insieme a lui c'erano altri tre passeggeri, accusati di omissione di soccorso. Tra questi il 32enne Angelo Ventura, già arrestato nel settembre del 2017 per associazione mafiosa e figlio di Giambattista Ventura, ritenuto capo della Stidda a Vittoria. Il terzo già conosciuto alle forze dell'ordine è Alfredo Sortino, sottoposto a sorveglianza speciale. Il quarto passeggero è Rosario Fiore. Nessuno di loro dopo l'impatto si è fermato per prestare soccorso perché, hanno detto alla polizia dopo essersi costituiti, avevano paura di un linciaggio

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews