Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il primo gruppo della Lega all'assemblea regionale
Ex Udc e forzisti, sbarco dal sapore democristiano

Ufficializzata la nascita del nuovo gruppo formato da quattro deputati e guidato da Antonio Catalfamo. Insieme all'ex Fratelli d'Italia, ci saranno gli ex centristi Giovanni Bulla e Orazio Ragusa e la palermitana Marianna Caronia

Salvo Catalano

Nasce formalmente il primo gruppo della Lega all'Assemblea regionale siciliana. A cui seguirà a breve «una grande assemblea regionale del partito alla presenza del nostro leader, Matteo Salvini». L'incontro del commissario del Carroccio Stefano Candiani con i quattro deputati che comporranno il gruppo e con il regista dell'operazione, il parlamentare ragusano Nino Minardo, dà l'ufficialità a quanto si diceva già da alcuni giorni. Sono Orazio Ragusa, Giovanni Bulla, Marianna Caronia e Antonio Catalfamo a rappresentare la Lega all'Ars. L'ultimo, proveniente da Fratelli d'Italia, sarà il capogruppo. 

«Da oggi vogliamo essere stimolo al governo regionale con tutta una serie di proposte - dice Candiani - Le priorità sono le infrastrutture e, con esse, i fondi strutturali per dare alla Sicilia, per anni soffocata da inerzia e superficialità, quanto ha diritto di avere. Lavoreremo per dare risposte agli imprenditori agricoli e a tutti i settori legati all'agricoltura e all'economia».

Non certo una Lega di ultradestra, a giudicare dal profilo dei deputati saliti sul carro di Salvini. Il capogruppo Catalfamo, 39enne di Barcellona Pozzo di Gotto, consulente legale ed ex capogruppo di Fratelli d'Italia, è certamente quello più a destra del drappello. Una vita al centro, invece, per Orazio Ragusa, 64enne di Scicli, dipendente del corpo forestale ma in politica dal 1994. È al suo quarto mandato consecutivo come deputato regionale, esperienza iniziata con l'Udc nel 2006, per poi passare a Forza Italia nel 2017. A braccetto col suo conterraneo Minardo, chiude adesso il percorso nella Lega. 

Dall'Udc arriva pure Giovanni Bulla, originario di Adrano, che dei centristi è stato fino a pochi mesi fa pure commissario provinciale a Catania. Prima, tra 2008 e 2012, è stato assessore provinciale col Pdl a fianco dell'allora presidente Giuseppe Castiglione. La palermitana Marianna Caronia è alla sua seconda legislatura all'Ars: eletta per la prima volta nel Mpa di Raffaele Lombardo, viene confermata tre anni fa nelle liste di Forza Italia. Su di lei pende una richiesta di rinvio a giudizio nell'inchiesta Mare Monstrum, sul giro di mazzette che gli imprenditori trapanesi Vittorio ed Ettore Morace avrebbero fatto arrivare a politici e funzionari per ottenere bandi su misura nei collegamenti marittimi verso le isole minori.

«È certamente un momento di grande soddisfazione - sottolinea il coordinatore Candiani - e questo risultato è il frutto di un lavoro fattivo e sinergico con Nino Minardo, che ha avuto il ruolo cardine in questa fase di sviluppo della Lega nell'Isola che ci ha portato a raggiungere un considerevole obiettivo, rafforzando l'azione politica del centrodestra in Sicilia». A parte le infrastrutture, il braccio destro di Salvini in Sicilia indica altre battaglie: «Autonomia differenziata, continuità territoriale e sburocratizzazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews