Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gruppo di orche avvistato nello Stretto di Messina
Biologa: «Denutrite, speriamo virino per Gibilterra»

Clara Monaco di Marecamp sta monitorando, in queste ore, il mare antistante Catania. Gli animali potrebbero essere gli stessi provenienti dall'Islanda e  avvistati a Genova. «Potrebbero avere perso l'orientamento, il Mediterraneo non è ideale», spiega

Simone Olivelli

«Potrebbero essere loro, la speranza è che si siano spostate verso sud per riavvicinarsi allo Stretto di Gibilterra, anche se questo non sarebbe il percorso ideale». A parlare delle orche avvistate ieri nello Stretto di Messina è Clara Monaco della onlus Marecamp. In queste ore, insieme agli altri attivisti, sta monitorando lo Ionio nella zona antistante il Catanese, nella speranza di avvistare i tre esemplari immortalati ieri poco più a nord. Stando ad alcune similitudini, il gruppo di cetacei potrebbe essere lo stesso che, per diversi giorni, ha sostato davanti Genova. Una permanenza lunga e inusuale. «Sono rimasti lì perché è morto un cucciolo arrivato denutrito e, forse, anche malato», spiega la biologa marina a MeridioNews

A essere insolita, tuttavia, è la stessa presenza degli animali nelle acque del Mediterraneo. Anche se stabilire quale possa essere stata la causa non è semplice. «Sono originarie dell'Islanda, e potrebbero essere andate verso sud per pescare e poi avere perso l'orientamento - continua Monaco -. Non è la prima volta che ne vengono avvistati nel Mediterraneo, ma parliamo comunque di eventi molto rari. Un paio di volte nell'ultimo secolo. Il nostro mare non è l'ideale per loro ed è per questo che l'auspicio è che riescano tornare verso Gibilterra». L'ecosistema mediterraneo non ha caratteristiche simili a quelle dei mari islandesi. «L'orca è in cima alla catena alimentare, ma si tratta di un ambiente diverso rispetto al nostro, sia per la quantità di prede che per il tipo di specie presenti - spiega la biologa -. E questo potrebbe essere uno dei motivi per cui alcuni degli esemplari avvistati non sono apparsi in buona forma».

Al momento, l'unica cosa da fare comunque è cercare di seguire la loro rotta e far sì che le orche non vengano ulteriormente stressate. «Non c'è modo di condizionare il loro percorso o invogliarle ad andare verso Gibilterra, bisogna sperare. Però, ciò che si deve fare - sottolinea Monaco - è evitare di disturbarle. Quindi l'appello per chiunque le avvistasse è di segnalare subito la loro presenza alle Capitaneria di porto e di rimanere a debita distanza. Questo è il modo migliore per rispettarle».

(video di Simone Vartuli)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews