Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, il vademecum bilingue degli albergatori
«Psicosi insensata, no ad azioni che scoraggino turisti»

Un opuscolo di Federalberghi, sia in italiano che in inglese, illustra alcune regole semplici «per limitare il rischio di esposizione». «Più che il virus, ci preoccupa il calo del flusso turistico», dice a MeridioNews il vicepresidente Nicola Farruggio

Marta Silvestre

Foto di: diego santi

Foto di: diego santi

«Welcome chinese». Ovvero, «Benvenuti cinesi». Lo ripete più volte, a scanso di equivoci, il vicepresidente di Federalberghi in Sicilia e presidente della sezione provinciale di Palermo Nicola Farruggio. Tra gli effetti immediati della psicosi da coronavirus, dovuta anche a quella che l’Organizzazione mondiale della sanità ha battezzato come «una massiccia infodemia», c'è anche la diffidenza nei confronti dei turisti che arrivano dall'Oriente. E pure qualche timore degli operatori dell'accoglienza nelle strutture ricettive che non hanno avuto specifiche indicazioni. Per loro, come per tutti, valgono le direttive nazionali emanate dal ministero della Salute

È per questo che Federalberghi ha preparato e distribuito una sorta di vademecum. Un opuscolo, scritto sia in italiano che in inglese, con quattro semplici regole da mettere in pratica «per limitare il rischio di esposizione al coronavirus». Il titolo è Proteggi te stesso e chi ti sta vicino dal contagio. Lavare spesso le mani; coprire la bocca con un fazzoletto quando si starnutisce o si tossisce; evitare il contatto ravvicinato con chiunque abbia febbre o tosse e, in caso di febbre, tosse o difficoltà respiratorie, consultare un medico. «Sono principi validi in caso di una qualsiasi influenza che - aggiunge Farraggio - ricordiamo sia agli ospiti che agli operatori. A chi si occupa dell'accoglienza abbiamo anche consigliato di attenzionare se ci dovessero essere clienti, non solo cinesi ma anche australiani o siciliani - ci tiene a sottolineare - che presentino dei sintomi e, in caso, di esortarli a rivolgersi ai presidi medici». 

Una sorta di protocollo preventivo, dunque, «ma senza nessuna azione che possa scoraggiare il soggiorno di turisti di nazionalità cinese e creare - continua il vicepresidente di Federalberghi - atteggiamenti di razzismo nei loro confronti dettati da questa immotivata ondata di psicosi. Non ce n'è motivo». Ma la realtà racconta di situazioni già al limite, come la paralisi della China town di Sicilia nella zona commerciale di Misterbianco, nel Catanese. 

Insieme alla paura per il virus, pare appunto alimentarsi una sottile forma di razzismo. «A gennaio tra l'altro - riporta Farruggio - la presenza di turisti cinesi in Sicilia è cresciuta rispetto all'anno scorso». Un dato destinato senza dubbio a calare. Tanto che dall'organizzazione del settore turistico-ricettivo, che rappresenta non solo gli alberghi ma anche il settore extralberghiero (bed&breakfast e affittacamere), si dicono «preoccupati, più che virus, dal calo generale del flusso turistico internazionale che potrebbe protrarsi anche nei prossimi mesi». In effetti, molte tratte aeree da e per la Cina sono state sospese e, qualche giorno fa, per gli aeroporti è arrivato dal ministero il nuovo protocollo con controlli più intensificati.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews