Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Rinnovabili, i Nicastri patteggiano due anni e dieci mesi
Imprenditore rimane in carcere, il figlio torna in libertà

I giudici si sono pronunciati poco dopo le 18, accogliendo la richiesta di magistrati e avvocati. La decisione è stata presa nella prima udienza del processo scaturito dall'inchiesta della scorsa primavera. Coinvolti anche funzionari pubblici ed ex parlamentari

Simone Olivelli

Vito e Manlio Nicastri patteggiano la pena a due anni e dieci mesi nel processo sulla corruzione nel campo delle energie rinnovabili. La decisione è arrivata pochi minuti fa, al termine di una lunga camera di consiglio al tribunale di Palermo. L'imprenditore alcamese, che da diversi mesi ha avviato  una collaborazione con i magistrati, e il figlio hanno riconosciuto la loro colpevolezza nelle vicende che vedono tra i principali protagonisti anche l'ex parlamentare di Forza Italia Paolo Arata e il figlio Francesco, nonché i funzionari regionali Alberto Tinnirello e Giacomo Causarano

Il patteggiamento è arrivato a un mese di distanza da quando il gup Walter Turturici aveva rigettato l'istanza, frutto dell'accordo raggiunto tra i magistrati della Dda e i legali dei Nicastri Sebastiano Dara, Maria Mollica e Giovanni Di Benedetto. Per Vito Nicastri, che a ottobre è stato condannato in primo grado a dieci anni per concorso esterno in associazione mafiosa, il pronunciamento di oggi mette fine alla vicenda giudiziaria esplosa la scorsa primavera, con le perquisizioni nelle sedi delle società che il 63enne alcamese avrebbe gestito insieme agli Arata. Attività imprenditoriale che sarebbe stata segnata da tangenti ai funzionari, incontri con diversi esponenti della giunta Musumeci e, a Roma, con le richieste al senatore leghista Armando Siri - questo filone dell'indagine è tuttora aperto nella procura capitolina - affinché portasse avanti specifiche proposte di legge in favore delle agevolazioni in campo di energia green.

Vito Nicastri rimarrà comunque rinchiuso all'interno di una cella del carcere Pagliarelli di Palermo, dove si trova da aprile. Per il figlio Manlio, invece, il patteggiamento a una pena inferiore ai tre anni significa il ritorno in libertà, dopo mesi trascorsi ai domiciliari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews