Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

La Cassazione conferma la condanna per Panarello
Trent'anni per omicidio e occultamento di cadavere

Confermati i precedenti due gradi di giudizio per la madre del piccolo Loris Stival. Adesso la donna dovrà ancora sostenere il processo per calunnia nei confronti del suocero

Redazione

Foto di: blitzquotidiano.it

Foto di: blitzquotidiano.it

È stata confermata dalla Cassazione la condanna a 30 anni di reclusione nei confronti di Veronica Panarello, la giovane mamma accusata di aver ucciso il figlioletto di 8 anni, Loris Stival, occultandone poi il cadavere. Il delitto avvenne il 29 novembre 2014 nell'abitazione di famiglia a Santa Croce Camerina.

La decisione della Corte è giunta dopo diverse ore di camera di consiglio. Il sostituto pg di Cassazione Roberta Maria Barberini aveva stamane sollecitato la conferma della sentenza di condanna pronunciata dalla Corte d'assise d'appello di Catania nel luglio dello scorso anno. 

Già in primo grado, con rito abbreviato, Veronica Panarello era stata ritenuta responsabile - e quindi condannata a 30 anni - dal gup di Ragusa per l'omicidio e l'occultamento di cadavere del figlioletto, del quale denunciò la scomparsa il 29 novembre 2014 e che venne ritrovato morto dopo qualche ora in un canale a Santa Croce Camerina.

Tuttavia la vicenda giudiziaria per Veronica Panarello non si esaurirà con la sentenza di oggi. Nei suoi confronti, infatti, sono pendenti altri due processi. Il 26 novembre dovrà apparire davanti il Tribunale di Ragusa per calunnia nei confronti dell'ex suocero Andrea Stival, che ha accusato di essere l'autore materiale del delitto: avrebbe ucciso il nipote, è la sua ultima ricostruzione, perché Loris voleva rivelare al padre di una presunta relazione tra il nonno e la madre. 

Il 24 gennaio prossimo, davanti al Tribunale monocratico di Catania, comincerà il processo per le minacce di morte che la donna ha rivolto al suocero a conclusione della lettura della sentenza con cui la Corte d'assise d'appello di Catania confermava quella di primo grado emessa dal Gup di Ragusa per il delitto commesso il 29 novembre 2014 a Santa Croce Camerina. «Sei contento? Sai cosa ti dico - gli urlò - prega Dio che ti trovo morto perché altrimenti ti ammazzo con le mie mani quando esco...».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×