Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, fatta luce sul tentato omicidio di Cuscinà
Due arresti. Agguato per screzi dentro clan di Giostra

I carabinieri hanno arrestato su disposizione del tribunale Paolo Gatto, 22 anni, e Giuseppe Cutè, 39 anni. Entrambi hanno parentele importanti all'interno della criminalità organizzata. Ad agosto dell'anno scorso aprirono il fuoco contro un pregiudicato

Simona Arena

Chiuso il cerchio sul tentato omicidio di Francesco Cuscinà, 64 anni, ferito alla testa, al torace e all’addome da due colpi di pistola ad agosto dello scorso anno. I carabinieri hanno arrestato il 22enne Paolo Gatto e il 39enne Giuseppe Cutè, rispettivamente figlio del boss Puccio Gatto e nipote dell’altro boss Luigi Galli. Sono loro, secondo i carabinieri della Compagnia Centro, che il 25 agosto 2018 hanno sparato per strada ad altezza uomo con l’intenzione di uccidere Cuscinà. 

L'agguato è avvenuto in pieno giorno. Alle 9 del mattino, davanti al bar Micali a Giostra, i due arrestati si sono incontrati con il 64enne. Sullo sfondo di quanto accaduto ci sarebbero i dissidi interni al clan da anni senza una guida. «Ci sono stati e continuano a esserci tentativi di riorganizzazione legati forse alla gestione dello spaccio di droga», spiega dal procuratore aggiunto Rosa Raffa. Secondo la ricostruzione degli investigatori, Gatto e Cutè dopo aver parlato con Cuscinà si sono allontanati in sella a uno scooter, ma poco dopo essere partiti aprono il fuoco. «L’arma deve essersi inceppata - dichiara il capitano della Compagnia Centro Paolo De Alescandris -. I due infatti, dopo essere scesi dal ciclomotore, ingaggiano una colluttazione con Cuscinà». 

Quest’ultimo reagisce, portando Gatto e Cutè a lasciare il luogo. Cuscinà si accorge di essere ferito, si cambia e si reca alla cittadella ospedaliera del Mandalari sul viale Goistra. Qui gli spiegano che deve andare all’ospedale Piemonte per farsi suturare le ferite. «Cuscinà ha alle sue spalle una condanna a 30 anni, 25 dei quali scontati in carcere per associazione mafiosa, tentato omicidio più spaccio, droga - sottolinea il colonnello Lorenzo Sabatino, che guida il comando provinciale dei carabinieri -. Da parte sua non c’è stata alcun tipo di collaborazione, ha una caratura criminale che ha subito indirizzato le indagini nell’ambito degli affari illeciti di Giostra». 

Oltre alle attente indagini, a incastrare gli arrestati sono state anche le dichiarazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Minardi che ha indicato in Cutè e Gatto i responsabili del tentato omicidio. A rimproverare il giovane Gatto per quanto commesso è stata anche la madre. «La donna - commentano gli inquirenti - disapprova il comportamento perché spezza il quieto vivere. Il figlio ha violato le regole di rispetto, la madre lo sa bene e per questo lo manda via per un mese - prosegue De Alescandris -. Ha paura per la sua vita. Comportamento diametralmente opposto a quello di Giuseppe Cutè, che ha già uno spessore criminale diverso». Quest'ultimo, che ha avuto una condanna definitiva a sette anni per associazione mafiosa, quattro giorni dopo la sparatoria chiede un incontro alla vittima. «Voleva chiarire cosa fosse successo», chiosano gli inquirenti. 

Gatto e Cutè sono anche accusati di rapina aggravata in concorso e trasferimento fraudolento di valori, per un assalto a un uomo che gestisce un distributore di carburanti.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews