Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Un anno dopo Musumeci da Pontida alla festa dell'Udc
Al raduno della Lega delegazione con oltre 200 siciliani

Mentre amministratori, deputati e militanti siciliani del Carroccio saranno sul prato bergamasco, il governatore, presente l'anno scorso, non è stato invitato. E lui sceglie il palco dei centristi, da dove ribadisce la linea: «Il centrodestra deve restare unito»

Salvo Catalano

È passato un anno, in politica un tempo lunghissimo. Del Nello Musumeci che arringava il popolo di Pontida, attaccando Bruxelles e riuscendo a trasformare i fischi in applausi, rimane un lontanissimo ricordo. Quest'anno il presidente della Regione siciliana sul prato sacro del Carroccio non c'è. Non invitato. E come lui non si vedrà alcun esponente di Diventeràbellissima. Mentre Musumeci sceglie si prendere a un'altra festa, quella dell'Udc a Fiuggi

I siciliani alla festa leghista sono circa duecento, tra militanti, ammnistratori e l'unico deputato rimasto, Alessandro Pagano, dopo la fuoriuscita in polemica del messinese Carmelo Lo Monte. Meno numerosi volti della società civile rispetto alla spedizione del 2018. «L'appeal sugli imprenditori quando non sei al governo cala, è naturale», commenta un giovane attivista. 

Ma a sentire la mancanza di Salvini al governo sarà anche Musumeci, rimasto senza un interlocutore a Roma, dove invece ritroverà, in un ruolo strategico (quello di viceministro alle Infrastrutture), il suo rivale numero uno: Giancarlo Cancelleri. Tempi duri per il governatore siciliano che nei giorni scorsi ha tracciato la strada: «Il centrodestra è condannato a stare insieme, siamo maggioranza nel Paese». Un obiettivo che comporta non rompere con la Lega, ma cercare di riportare Salvini al dialogo. Nell'isola, a maggior ragione, l'ipotesi di un patto federativo di Diventeràbellissima con la Lega al momento sembra raffreddata, a favore della creazione di un largo movimento di impronta sicilianista che riesca ad attrarre i centristi, anche quelli delusi dal patto tra Pd e Movimento 5 stelle. 

Così a Pontida non c'è spazio per il presidente siciliano. E la sua assenza si è fatta notare ancora di più ieri mattina a Milano, dove Salvini - prima di spostarsi sul prato bergamasco - ha riunito gli amministratori locali della Lega insieme ai governatori del centrodestra. Tutti meno che Musumeci. Che nelle stesse ore ha scelto significativamente un altro palco: quello di Fiuggi, per la festa dell'Udc che aveva per slogan: «La forza della ragionevolezza». Parole che suonano lontane da quelle di Salvini. Da lì il presidente ha ribadito che «dovunque il centrodestra si presenti unito, vince. Abbiamo una responsabilità morale». 

A Pontida - in un clima tra l'inizio di campagna elettorale e l'opposizione radicale - invece ci saranno altri governatori di centrodestra: oltre agli scontati Zaia, Fedriga, Fontana e Cirio della Lega, sul palco dovrebbero salite anche il ligure di Forza Italia Giovanni Toti, e il sardo Giovanni Solinas (del Partito d'Azione federato con la Lega). 

A guidare la truppa siciliana sono invece l'assessore catanese Fabio Cantarella (alla sua sesta Pontida), il palermitano Igor Gelarda e il sindaco di Furci Siculo Matteo Francilia, commissario provinciale di Messina. Insieme a loro le due eurodeputate, la licatese Annalisa Tardino e la palermitana d'adozione Francesca Donato, così come l'ultimo deputato siciliano leghista rimasto Alessandro Pagano. Tra i sindaci quello di Motta Sant'Anastasia Anastasio Carrà. Molti militanti sono arrivati con due pullman - da Palermo e Agrigento - e in aereo.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews