Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sicula trasporti, ispezione antimafia della Prefettura
Le forze dell'ordine nella discarica, camion bloccati

Il prefetto di Catania Claudio Sammartino ha inviato un gruppo interforze nelle sedi dell'impresa della famiglia Leonardi, titolare del più grande impianto di rifiuti dell'Isola. L'accesso e gli accertamenti sono finalizzati a verificare la regolarità amministrativa

Salvo Catalano

Un'ispezione antimafia è in corso, su disposizione del prefetto di Catania Claudio Sammartino, nelle sedi della Sicula Trasporti, la società della famiglia Leonardi che possiede la più grande discarica di rifiuti della Sicilia. 

Come anticipato dal quotidiano La Sicilia e confermato dagli uffici del palazzo di governo, personale della Direzione investigativa antimafia, dei carabinieri, della guardia di finanza e dell'ispettorato del lavoro si è presentato negli uffici e nella sede operativa della ditta intorno alle 10.30 di questa mattina. 

I numerosi mezzi e autocompattatori che si trovavano all'interno in attesa di scaricare sono stati bloccati, compresi gli otto grandi autocarri della Dusty, l'azienda che serve Catania e molti comuni della provincia.

L'ispezione rientra tra le attività della Prefettura ed è disciplinata dall'articolo 93 della legge 159 del 2011. L'accesso e gli accertamenti quindi sono finalizzati a prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. L'impianto della Sicula Trasporti tra Catania e Lentini accoglie i rifiuti di 240 Comuni siciliani a cui, da poco, si aggiungono anche le 330 tonnellate al giorno prodotte dalla città di Palermo, che non può più conferire a Bellolampo.

Una miniera d'oro in cui la Prefettura vuole accertare che non ci siano irregolarità amministrative. La legge prevede che, al termine degli accertamenti, il gruppo interforze rediga, entro trenta giorni, la relazione con i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Successivamente quest'ultimo valuta se ci sono gli elementi per ipotizzare tentativi di infiltrazione mafiosa e, in tal caso, disporre l'interdittiva.

Dalla Sicula Trasporti nel pomeriggio fanno sapere che «la società ha messo a disposizione degli organi amministrativi ogni utile documentazione necessaria all’attività di controllo e verifica richiesta. Peraltro, la collaborazione con la Procura Distrettuale di Catania è sempre stata costante, al fine di garantire che le attività connesse al ciclo dei rifiuti della società vengano costantemente monitorate per il rispetto dei protocolli di legalità. La complessa e articolata gestione delle attività poste in essere dalla Sicula Trasporti srl con gli enti e le società con le quali la stessa intrattiene rapporti contrattuali - si legge ancora nella nota - saranno oggetto di ulteriore approfondimento e verifica al fine di consentire una sempre maggiore trasparenza, salvaguardando l’operatività societaria».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews