Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Duplice omicidio Ucria, killer interrogato in caserma
Le vittime avrebbero guidato una spedizione punitiva

Il 30enne di Paternò è stato fermato ieri sera. I carabinieri lavorano per ricostruire l'esatta dinamica degli eventi che sono culminati nella sparatoria per un parcheggio conteso. Una delle vittime, Antonino Contiguglia, era pregiudicato per mafia

Simona Arena

È stato interrogato Salvatore Russo, il 30enne di Paternò fermato ieri sera dai carabinieri di Patti per il duplice omicidio commesso ad Ucria, piccolo centro messinese sui Nebrodi. Il sostituto procuratore di Patti, Andrea Apollonio, ha disposto il fermo dell'uomo e, in queste ore, i militari sotto la guida del comandante Marcello Pezzi e del tenente Vincenzo Romeo stanno cercando di ricostruire la dinamica degli eventi che sono culminati nell'omicidio al culmine di una lite, in due fasi, per un parcheggio conteso

L’uomo ha sparato e ucciso il 60enne Antonino Contiguglia, pregiudicato per mafia essendo stato condannato nel 2011 al termine del processo Mare Nostrum che vide alla sbarra i principali esponenti di Cosa Nostra nell'area tirrenica e dei Nebrodi. L'alta vittima è il 30enne Fabrizio Contiguglia, nipote di Antonino. Ferito anche il 43enne Salvatore Contiguglia, pure lui nipote del 60enne, che sarà operato in giornata all'ospedale Papardo di Messina. 

Stando a quanto ricostruito finora dai carabinieri, è stato Antonino Contiguglia a «capeggiare una vera e propria spedizione punitiva con la quale si sarebbe dovuta vendicare l’offesa subita dal loro parente». L'uomo insieme ai nipoti è andato a casa di Russo e lì sarebbe scoppiata la lite tra i due gruppi. Non è ancora chiaro chi ha estratto la pistola calibro 7,65 poi usata da Russo per colpire mortalmente le due vittime. L'omicida è poi rientrato nella sua abitazione dove si è barricato. Solo dopo alcune ore, è stato convinto dai carabinieri a seguirli in caserma.

Il 43enne che è riuscito a salvarsi era stato trasportato in ospedale a Patti ma poi i medici hanno deciso il trasferimento in riva allo Stretto per sottoporlo a un delicato intervento di chirurgia plastica alla mano. Secondo quanto riferito, non sarebbe in pericolo di vita, ma ha tre proiettili «con fratture da scoppio di scapola e base della coracoide a destra e della scapola sinistra nonché frattura esposta pluriframmentaria da scoppio al terzo metacarpo della mano sinistra».

«Un'intera comunità è sotto shock per quanto accaduto. È un gravissimo fatto di sangue e non era mai avvenuto qualcosa di tale gravità. Ci tengo a sottolineare che il nostro è un paese accogliente, pacifico e tranquillo, popolato solo da mille persone». Così ha detto il sindaco di Ucria Vincenzo Crisà. «Nel periodo estivo - prosegue il primo cittadino - tanti turisti vengono nel nostro centro montano per trascorrere in pace le vacanze. Siamo vicini ai parenti delle vittime e in segno di lutto abbiamo sospeso tutte le manifestazioni estive». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

MeridioKids, la rubrica per i più piccoli

Un modo per creare comunità in questo periodo senza socialità. Nasce per questo MeridioKids, la rubrica di MeridioNews pensata per la quarantena di grandi e piccini. Istruttori di discipline sportive, artisti, disegnatori, animatori, pasticceri, maghi. A ognuno abbiamo chiesto di pensare un'attività o un gioco ...

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews