Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Truffa all'Inps, a Ragusa 250 braccianti assunti per finta
Operaio perde un braccio, regolarizzato retroattivamente

Due maxi-indagini della guardia di finanza hanno portato a scoprire uno spaccato inquietante: i finti lavoratori consegnavano fino a 17 euro a giornata al titolare. Le false assunzioni sarebbero servite anche a ottenere permessi di soggiorno

Salvo Catalano

Foto di: Marta Silvestre

Foto di: Marta Silvestre

Un bracciante in nero che perde un braccio e viene regolarizzato in maniera retroattiva. Un altro che sulla carta risulta a lavoro ma che invece si trova agli arresti domiciliari. Ci sono anche questi casi limite nella doppia indagine condotta dalla guardia di finanza di Ragusa sul mondo delle campagne iblee. 

Uno spaccato inquietante fatto di 250 false assunzioni nell'agricoltura, per ottenere dall'Inps varie indennità (disoccupazione, malattia, maternità) e in alcuni casi anche permessi di soggiorno a migranti. E la maggior parte delle volte i soldi pubblici non sarebbero rimasti interamente ai lavoratori. Questi ultimi sarebbero stati infatti costretti a darne una cospicua parte - tra i 14 e i 17 euro a giornata, secondo gli investigatori - agli imprenditori che li avevano fittiziamente assunti.

Il doppio blitz dei militari è scattato tra sabato e lunedì. Nel corso delle operazioni sono stati sequestrati beni e risorse economiche per oltre 65mila euro e sono stati bloccati pagamenti da parte dell’Inps per circa 470mila euro. Sono due le operazioni: la prima, denominata Ingaggio, ha portato ai domiciliari il 32enne G.S., un imprenditore agricolo di Comiso, e all'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria per altri tre soggetti, il 22enne G.N. (fratello dell'imprenditore), il 47enne consulente del lavoro I.G. (di Santa Croce Camerina) e il 44enne imprenditore agricolo R.M. (sempre di Santa Croce Camerina). La seconda operazione, chiamata Mercurio, ha portato al provvedimento dell’obbligo di dimora nei confronti di tre persone, Q.G. (46 anni), imprenditore agricolo di Ispica, e due braccianti tunisini, il 41enne J.R. e il 54enne K.B. Nel complesso delle due indagini le indebite indennità sarebbero state quantificate in oltre un milione di euro.

La prima indagine, Ingaggio, vede indagate 180 persone ed è partita dall'analisi di una evidente sproporzione (oltre il 700 per cento) tra le giornate di lavoro che gli imprenditori segnalavano all'Inps mensilmente e quelle stimate dai dati statistici redatti dall'assessorato regionale all'Agricoltura sulla base dei terreni in uso agli indagati. Si è accertato infatti che l’imprenditore G.S., avvalendosi anche della complicità del consulente del lavoro, avrebbe avuto bisogno di duemila giornate lavorative per eseguire le colture dichiarate. E invece ha comunicato all'Inps lo svolgimento di 16.852 giornate da parte di 150 operai a tempo determinato. Braccianti che, stando alla Finanza, avrebbero lavorato solo sulla carta, al fine di ottenere le indennità di disoccupazione, di malattia, maternità e assegni familiari, anche a favore di famiglie numerose e spesso neanche residenti in Italia. 

«Si trattava di una vera e propria compravendita di giornate di lavoro», denunciano le Fiamme gialle. Infatti anziché essere il datore di lavoro a retribuire il bracciante, era quest’ultimo a pagare l’imprenditore, spesso dopo aver percepito le indennità, nella misura di circa 14-17 euro per ogni giornata di falso ingaggio. I titolari delle azienda agricole sono accusati anche di sfruttamento dell’immigrazione clandestina, perché in almeno 30 casi i contratti fittizi sono stati utilizzati per richiedere il rilascio o il rinnovo del permesso di soggiorno. Per rendere più verosimile la presenza di braccianti, nelle aziende sarebbe stata svolta una minima attività lavorativa, per cui però sarebbero stati impiegati una decina di braccianti in nero, pagati con appena tre euro l’ora e tenuti in condizioni igienico-sanitarie e abitative precarie. Per questo è scattata anche l'accusa di caporalato.

L'indagine Mercurio - con 113 indagati e l'impegno degli uomini della sezione operativa navale di Pozzallo - ha invece posto l'attenzione su una ditta di Ispica, attiva nella vendita all'ingrosso di ortofrutta, il cui titolare, Q.G., è accusato di associazione a delinquere finalizzata ai reati di truffa aggravata, falso, favoreggiamento aggravato all’immigrazione clandestina, emissione di fatture per operazioni inesistenti, lesioni aggravate e omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro. 

Anche in questo caso sarebbero stati assunti fittiziamente centinaia di braccianti agricoli che avrebbero ottenuto le indennità dell'Inps, il rinnovo dei permessi di soggiorno o il ricongiungimento familiare. Il titolare, sebbene non risultasse né proprietario né locatario di fondi agricoli, aveva creato un ramo d’azienda del tutto fittizio, attivo nel settore della raccolta del frutto pendente (cosiddette aziende senza terra), assicurandosi così i vantaggi contributivi riservati ai produttori agricoli. Mentre i due soggetti tunisini colpiti da misura cautelare sarebbero stati i procacciatori dei finti braccianti, molti dei quali paradossalmente hanno continuato a vivere all'estero pur risultando ingaggiati in Italia. In un caso, è stato accertato che un soggetto mentre era agli arresti domiciliari risultava sulla carta a raccogliere ortaggi nelle campagne di Ispica. 

Particolarmente grave è il caso di un operaio assunto in nero che si è infortunato sul posto di lavoro perdendo il braccio. Il titolare sarebbe riuscito a retrodatare la sua regolarizzazione al giorno precedente all'incidente, per evitare guai e truffare l’Inail.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews