Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Segreteria Pd, Faraone all'attacco dei vertici del partito
«Elezione annullata per troppa opposizione a Salvini?»

Il senatore renziano, che ieri ha accolto la decisione da parte del collegio nazionale di garanzia dei dem di annullare il risultato delle primarie in Sicilia, non ci sta e promette battaglia. «Per la prima volta le correnti si prendono anche le istituzioni di garanzia»

Redazione

Rimosso per eccessiva opposizione. Questa, una delle letture che Davide Faraone dà dell'annullamento, da parte del collegio nazionale di garanzia, della sua elezione a segretario regionale del Pd. La provocazione si accompagna all'annuncio di un'autosospensione - gesto simbolico che non ha effetti concreti - in attesa di capire se il partito sia ancora democratico. «Un partito che si chiama democratico non può cancellare la democrazia perché è cambiata la maggioranza: quello lasciamolo fare a Salvini o Casaleggio. Noi siamo diversi», scrive Faraone su Facebook.

Per il senatore di area renziana, che nei giorni scorsi si è stato protagonista di una marcia sulla Catania-Ragusa per attirare l'attenzione sulla querelle legata alla realizzazione dell'autostrada, l'annullamento sarebbe stata una forzatura anche da un punto di vista tecnico. «In punta di diritto è una follia - denuncia Faraone - la commissione di garanzia aveva già giudicato ricorsi sul congresso regionale. Con questa decisione il nuovo Pd cancella il principio giuridico del ne bis in idem». Sullo sfondo, comunque, rimane la questione politica. «Per la prima volta le correnti si prendono anche le istituzioni di garanzia. Hanno perso politicamente - è l'affondo del senatore - la buttano sui ricorsi: avranno tutte le carte bollate che meritano».

L'attacco alla nuova segreteria passa anche per un presunto fastidio che Faraone avrebbe suscitato nei vertici del partito con le iniziative condotte in prima persona in questi mesi. «Se mi hanno commissariato perché faccio troppa opposizione al governo, si sappia che da domani ne farò ancora di più. Forse il nuovo Pd dovrebbe occuparsi di fare opposizione a chi sostiene il governo di Di Maio e Salvini, non a chi - conclude - ha sostenuto i governi del Pd».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews