Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

McDonald's, Mampfiosi anche sui cartelloni in Austria
Nuove proteste degli italiani: «Annuncio discriminante»

«Per veri mafiosi/mangioni». Così la multinazionale invita sui manifesti pubblicitari a provare i nuovi prodotti della linea Italian summer. Un nuovo caso, dopo la notifica sull'app ufficiale, che non è passato inosservato

Salvo Catalano

«Für echte Mampfiosi». Firmato McDonald's Austria. Tradotto: «Per veri mafiosi», ma anche «per veri mangioni/golosi». Ci risiamo. Dopo la notifica dell'app ufficiale della multinazionale - che invitava l'utente a provare il nuovo hamburger Bella Italia sollecitandolo con un «Hey Mafioso» e che ha scatenato un putiferio di polemiche dopo la denuncia di MeridioNews - arrivano anche i cartelloni pubblicitari 6x3 comparsi in diverse città dell'Austria. 

La campagna marketing della catena di fast food per lanciare il nuovo prodotto che dovrebbe richiamare il Bel Paese segna un altro autogol. «Ho visto la tua pubblicità "Mampfiosi" e sono rimasto davvero scioccato. Lavoro nel marketing e capisco che bisogna essere creativi. Ma non a qualsiasi prezzo! Questo annuncio è al di sotto del vostro livello, discriminante, estremamente offensivo e semplicemente non divertente». A scrivere alla catena di fast food stavolta è un altro giovane italiano residente a Salisburgo. Lo fa, sulla pagina Facebook ufficiale di McDonald's Austria, dopo aver visto in città i manifesti che continuano a giocare sulla parola mampfen, un verbo che significa «mangiare ai quattro palmenti». Ma che, aggiungendo il suffisso italiano, suona identico al nostro mafioso. E proprio su questa assonanza sembra puntare la multinazionale.

Il primo a denunciare l'uso del ritrito stereotipo Italia uguale mafia era stato Dario, trentenne siciliano che vive e lavora a Vienna. Sul suo cellulare è comparsa la notifica: «Hey Mafioso, try our new Bacon della Casa now! Bella Italia (Ciao Mafioso, prova ora il nostro nuovo panino della casa! Bella Italia, ndr)». Partita dalle pagine di MeridioNews, la sua denuncia, condita di lettera inviata a McDonald's, ha fatto il giro d'Italia e non solo. Mercoledì la sua storia è finita anche sulle pagine del principale quotidiano di Vienna, Heute. La catena di fast food ha provato a giustificarsi, inviando un comunicato alle testate giornalistiche in cui si afferma che non c'era un intento offensivo, ma che «per errore, nella traduzione inglese di questo gioco di parole, è stata usata la parola "mafioso"». 

Adesso, però, spuntano i manifesti dove il gioco di parole originale - con la radice della parola in tedesco e il suffisso italiano - conserva pienamente l'assonanza con il termine «mafioso». E i 6x3 non sono passati inosservati. «La mafia non è niente per cui sorridere; le loro macchinazioni non sono divertenti - scrive su Facebook il giovane professionista italiano di stanza a Salisburgo - Lavoro in un'azienda in cui la maggioranza (come me) ha radici italiane. Non importa con chi ho parlato, tutti si sono sentiti come me. Di solito la vostra pubblicità è intelligente e ben fatta, i giochi di parole intelligenti. Questa volta avete superato il limite. Il vostro annuncio è offensivo, pieno di razzismo, ignoranza e discriminazione». Non un commento di protesta isolato. «Come consumatore non voglio avere nulla a che fare con tali fatti e con una tale immagine», aggiunge un altro utente italiano residente in Austria.

Pronta la replica di McDonald's sulla sua pagina ufficiale in risposta alle invettive. «Ci dispiace che non ti piaccia la nostra pubblicità attuale per l'estate italiana. Non volevamo davvero offendere nessuno. La nostra campagna non mira a discriminare le altre nazioni o a degradarle in alcun modo. Piuttosto, l'amore per l'Italia sarebbe dovuto essere enfatizzato. Sfortunatamente, non ha funzionato, ci scusiamo ancora».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews