Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Camilleri, la coppia che pubblicò il suo primo romanzo
«Quelle serate a parlare di tutto, il successo era lontano»

Correva l'anno 1977 e Andrea Camilleri era ancora uno sconosciuto al grande pubblico. Tante case editrici avevano detto no alla pubblicazione de Il corso delle cose. Ma Fioranna Casamenti e Antonio Lalli gli diedero fiducia. Ecco il loro racconto

Salvo Catalano

Non potevano davvero immaginarsi che quel signore siciliano sulla cinquantina - sì già noto nel mondo del teatro e tra i corridoi della Rai, ma ancora «un emerito sconosciuto» per il grande pubblico - potesse diventare lo scrittore italiano vivente più conosciuto al mondo. Correva l'anno 1977 e in una casetta sulle colline toscane Fioranna Casamenti e il marito Antonio Lalli fanno la conoscenza dell'allora 52enne Andrea Camilleri. Sono loro i primi a dargli fiducia come scrittore e a pubblicare il suo romanzo d'esordio: Il corso delle cose. Il primo e l'ultimo con la Lalli editore. «Fu una meravigliosa parentesi, poi ognuno continuò per la sua strada», racconta a MeridioNews la signora Fioranna che continua a vivere a Poggibonsi

Il corso delle cose è ambientato in un paese siciliano degli anni '50, la cui monotona quotidianità viene sconvolta da due fatti: il ritrovamento di un cadavere e un'intimidazione, a colpi di pistola, a danno di don Vito, un onesto lavoratore. A indagare è il maresciallo Corbo. «A segnalarci il suo dattiloscritto - ricorda la signora Fioranna - fu una nostra collaboratrice di Roma, Angela Sacripante. Quando lo lessi per la prima volta, per me fu molto difficile perché non avevo mai letto nulla in siciliano. Ma una volta che entravi nella storia, trovavi la bella scrittura di Camilleri». 

Eppure, prima di trovare una porta aperta alla Lalli editore, lo scrittore di Porto Empedocle aveva ricevuto molti rifiuti. Ben quattordici, secondo alcune ricostruzioni. «Non ricordo esattamente quanti gli avevano detto no - precisa Casamenti - ma ricordo che lui non si mostrava amareggiato o infastidito». Fioranna e il marito Antonio, di cui la casa editrice porta il nome, danno invece fiducia a Camilleri che fino a quel momento - come si legge nella quarta di copertina del libro uscito nel 1978, costo tremila lire - era stato «regista di teatro, radio e televisione» e docente all'Accademia di arti drammatiche di Roma.

«Fu un'amicizia breve ma piacevole - continua Fioranna nel suo racconto - ricordo le serate passate a parlare di tante cose, di attualità e cultura. Lui e mio marito erano entrambi molto umani e accaniti fumatori, certe volte avevo l'impressione che era tanto il piacere di parlare e di raccontare che nemmeno si ascoltassero». Nel 1979 Il corso delle cose divenne uno sceneggiato che andò in onda sulla Rai col titolo La mano sugli occhi. «Siamo andati a Roma per la prima, poi le nostre strade si sono divise».

Camilleri l'anno dopo pubblica il suo secondo romanzo, Un filo di fumo, con Garzanti. Prima di avviare, quindici anni dopo, la saga del commissario Montalbano e il felice matrimonio con Sellerio. Ma chiedendo a Fioranna se, ripensando a quella collaborazione e al successo planetario che è toccato in sorte ad altri, sia mai emersa qualche recriminazione, lei risponde: «No, nessun rimpianto. Siamo sempre stati felici dei traguardi che Andrea ha raggiunto».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews