Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione, approda all'Ars la norma che apre ai concorsi
Grasso: «Non sappiamo quanti ne potremo assumere»

Inizierà oggi all'Assemblea regionale l'esame del secondo collegato alla Finanziaria, che contiene una serie di norme legate al personale in servizio nell'amministrazione regionale, dai pensionamenti fino ai nuovi contratti a tempo indeterminato

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

In attesa della pausa estiva, inizia questo pomeriggio all’Assemblea regionale siciliana l’esame del primo dei tre collegati tematici alla Finanziaria regionale. Si tratta di disegni di legge su focus specifici che il governo guidato da Nello Musumeci aveva proposto ai deputati di trattare in maniera contestuale alla manovra economica, ma che il presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché, ha voluto slegare dalla finanziaria. Così, dopo l’approvazione del collegato generale, ecco che a Sala d’Ercole sono stati calendarizzati i tre collegati tematici (che riguardano rispettivamente il personale, le autonomie locali e la cultura). Poi sarà la volta dell’attesa riforma dei rifiuti, prima che gli inquilini di sala d’Ercole si fermino per la pausa d’agosto. O almeno le intenzioni sono quelle.

Intanto si inizierà con la norma che riguarda, tra le altre cose, le assunzioni: gli ultimi articoli del secondo collegato sono dedicati alla riapertura dei concorsi per un lavoro a tempo indeterminato alla Regione, dopo anni di blocco delle procedure di selezione di nuovo personale. Si tratta di un’apertura che arriva dopo l’adeguamento dei contratti dei dipendenti regionali, atteso da oltre dieci anni e conseguito dall’assessora alla Funzione Pubblica, Bernadette Grasso. Adesso si potrà lavorare alle nuove assunzioni, che saranno fatte in maniera proporzionale al numero di personale che man mano andrà in quiescenza, in modo tale da non lasciare gli uffici scoperti, ma riducendo in maniera graduale il numero complessivo dei dipendenti della Regione Siciliana. I dirigenti di terza fascia potranno passare in seconda fascia (cambierà il trattamento economico), permettendo così la nuova infornata di funzionari.

Le assunzioni dovrebbero partire nel 2020 in maniera proporzionale ai pensionamenti: per 100 funzionari che saranno andati in pensione nel 2019, la Regione potrà bandire concorsi fino a 75 nuove assunzioni per l'anno successivo. Percentuale che si innalzerà all'85 per cento nel 2021 (sulla base dei pensionamenti dell'anno precedente), fino al 100 per cento del 2022.

Stesso meccanismo anche per i dirigenti: l’amministrazione potrà procedere a nuove assunzioni di dirigenti in misura non superiore a una percentuale della spesa per il personale andato in pensione nell’anno precedente (il 30 per cento per il 2019, il 40 per il 2020, il 50 per il 2021). I dirigenti esterni all’amministrazione non potranno superare l’8 per cento della dotazione complessiva, per una durata non inferiore a due anni, né superiore a cinque «e comunque nel limite dello stanziamento annuo di 200mila euro per il triennio 2019-2021. Per il periodo di durata dell'incarico, i dipendenti delle pubbliche amministrazioni sono collocati in aspettativa senza assegni con il riconoscimento dell'anzianità di servizio». I comandati non potranno superare il cinque per cento delle posizioni carenti in organico, entro un limite di spesa di 100mila euro l’anno per il triennio 2019/21.

Ma quante nuove assunzioni sono previste? «Impossibile al momento fare delle stime realistiche - precisa l'assessore alla Funzione Pubblica, Bernadette Grasso a Meridionews - perché dipenderà da quanti andranno in pensione nel corso di questo anno, da quante risorse saranno liberate, da quante ne serviranno per la formazione dei dipendenti che potranno fare un avanzamento di carriera. Soltanto a quel punto sarà chiaro quanti posti potremo mettere a bando. Prima sarebbero soltanto proclami»

Intanto per le procedure legate ai nuovi concorsi, l’articolo 7 destina una somma di 30mila euro, mentre l’articolo 8 solleva la necessità di «implementare nel prossimo futuro le risorse organiche del Corpo Forestale Regionale, considerate - si legge nella relazione introduttiva - le gravissime carenze di organico soprattutto con riferimento agli agenti ed assistenti forestali che rischiano di compromettere il corretto funzionamento dell’istituzione». L’ultimo articolo, infine, recepisce le disposizioni contenute nella norma nazionale per l’applicazione di quota 100, per coloro i quali abbiano i requisiti all’interno dell’amministrazione regionale e vogliano usufruire degli strumenti messi a disposizione dalla riforma del sistema pensionistico.

Di assunzioni si parla anche al vicino Palazzo dei Normanni: all'Assemblea regionale siciliana infatti sono una quarantina le figure da assumere. E sono già stati chiusi due bandi: quello da undici posti per consigliere parlamentare e quello da otto posti per segretario parlamentare.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews