Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Barcellona, evadono due detenuti dal carcere
Uno si tuffa in mare per scappare ma viene preso

Un 20enne di Palermo, Angelo Castronovo, e un 23enne di Siracusa, Emanuele Gallaro, sono fuggiti dalla casa circondariale. Il primo è stato subito rintracciato e ha fornito indicazioni per trovare anche il secondo

Redazione

Sono stati catturati nel giro di poche ore da unità della Polizia Penitenziaria, in collaborazione con altre forze di polizia e della Guardia Costiera, i due detenuti evasi ieri sera dalla casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. 

Il primo, Castronovo Angelo, 20enne di Palermo, è stato subito bloccato dal personale della Polizia Penitenziaria nelle vicinanze dell'istituto di pena; il secondo, Gallaro Emanuele, 23enne di Siracusa, è stato catturato in nottata congiuntamente dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto e dal personale della Poiizia Penitenziaria. I due fuggitivi dovranno rispondere del reato di evasione. 

L'arresto del primo evaso è stato possibile grazie all'immediato intervento del personale in servizio della Polizia Penitenziaria che ha subito lanciato l'allarme e diramato le ricerche, tanto che il giovane è stato immediatamente bloccato e catturato non distante dalla casa circondariale, da parte di un agente della Polizia Penitenziaria libero dal servizio che lo ha riconosciuto, rincorso e bloccato.

La cattura del secondo evaso è arrivata durante le ore notturne, grazie ad una manovra di ricerca congiunta tra i Carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto ed il personale della Polizia Penitenziaria di Barcellona, coordinati dal Sost. Proc. di turno presso la Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, Dr.ssa Federica Paiola. Il primo evaso, dopo essere stato catturato, su richiesta specifica del personale della polizia penitenziaria forniva indicazioni circa la possibile posizione del secondo evaso, indicando come probabile luogo di destinazione la zona del mare di Barcellona. 

A tal riguardo, il personale deila polizia penitenziaria di Barcellona si dirigeva nelle zone balneari di Calderà e Spinesante, ove dopo una breve ricerca riconosceva e individuava sulla spiaggia di Calderà la presenza dell'evaso. A quest'ultimo, il personale della Polizia Penitenziaria intimava di fermarsi ma lo stesso anziché aderire alla richiesta si tuffava in mare. Immediatamente il personale della Polizia Penitenziaria allertava la Capitaneria di Porto di Milazzo e si attivava un servizio di vigilanza e presidio lungo la spiaggia. Infatti, veniva presidiata la spiaggia nel tratto compreso tra Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo anche da parte dei militari dell`Arma, che attivavano il Nucleo Subacquei Carabinieri di Messina per l'impiego dell'unità navale, nonché di altro personale della Polizia Penitenziaria sopraggiunto dal Nucleo Provinciale traduzioni e piantonamenti di Messina inviato dal Provveditorato Regionale dell'amministrazione penitenziaria di Palermo. 

Dopo qualche ora di ricerca, quindi, l'uomo veniva avvistato in acqua, tra Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo, all'altezza di c.da Gronda, da parte dei militari dell'Arma, quindi, veniva raggiunto dalla motovedetta della Capitaneria di Porto di Milazzo che provvedeva a recuperare il giovane e a condurlo al porto di Milazzo dove veniva tratto in arresto incolume dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Barcellona e dal personale della Polizia Penitenziaria della casa circondariale di Barcellona e del personale di supporto giunto da Messina. 

L'arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto nuovamente presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto e dovrà rispondere, insieme all'altro detenuto, del reato di evasione. Le operazioni sono state seguite dal Comandante della Polizia Penitenziaria di Barcellona P.G. presente sin da subito presso l'lstituto unitamente al Direttore della Casa Circondariale.

(Fonte: Comando carabinieri Barcellona Pozzo di Gotto)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.