Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sea Watch, torna in libertà comandante Carola Rackete
Per il tribunale ha agito nel rispetto dei propri doveri

Il pronunciamento è arrivato in serata. Intanto il prefetto ha emesso un provvedimento di allontanamento, che dovrà essere convalidato. La giudice: «Decreto Sicurezza bis non applicabile a salvataggi». Le critiche di Salvini

Redazione

Foto di: Sea Watch su Facebook

Foto di: Sea Watch su Facebook

Carola Rackete torna in libertà. La giudice del tribunale di Agrigento Alessandra Vella non ha accolto la richiesta della procura della convalida dell'arresto e ha disposto la scarcerazione della comandante della nave Sea Watch. La notizia è arrivata in serata. Secondo la gip, la giovane tedesca, che ha forzato il divieto di ingresso nel porto di Lampedusa per fare sbarcare i 40 migranti che da due settimane erano bloccati sulla nave, ha agito nel rispetto dei propri doveri. Di fatto la decisione non ha preso in considerazione le novità introdotte dal decreto Sicurezza bis. A tal proposito nel dispositivo si legge che «non è applicabile alle azioni di salvataggio in quanto riferibile solo alle condotte degli scafisti».

Poco dopo la decisione, salutata con entusiasmo dai sostenitori della capitana di Sea Watch, è arrivato il commento del ministro degli Interni Matteo Salvini, il principale accusatore dell'operato di Rackete. «Dalla giustizia mi aspettavo pene severe per chi ha attentato alla vita di militari italiani, evidentemente sbagliavo», ha commentato il capo del Viminale. A esprimersi è anche il presidente della Camera Roberto Fico. «Le decisioni della magistratura vanno sempre rispettate. Sia quando piacciono sia quando non piacciono. Questo è il senso della divisione e dell'indipendenza dei poteri dello Stato», ha detto. 

Intanto dalla prefettura di Agrigento arriva la notizia, confermata dal Viminale, della disposizione di un provvedimento di allontanamento dall'Italia per la comandante. La misura, che nasce proprio dal coinvolgimento dell'organo territoriale del governo nella gestione delle misure repressive nei confronti di chi non rispetta le prescrizioni in mare, previsto proprio dal decreto Sicurezza bis, dovrà essere convalidata dal tribunale

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.