Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sea Watch, la capitana Rackete interrogata per tre ore  
Resta ai domiciliari, la procura chiede divieto di dimora

«Credevo che la motovedetta si spostasse, non volevo colpirli», ha detto la comandante nell'udienza di convalida dell'arresto. L'ordinanza sarà emessa domani. Intanto il ministro Salvini afferma che «siamo pronti a espellere la ricca fuorilegge tedesca»

Marta Silvestre

Foto di: Sea Watch su Facebook

Foto di: Sea Watch su Facebook

«Credevo che la motovedetta si spostasse, non volevo colpirli». Sono state queste le parole della comandante della Sea Watch 3 Carola Rackete, dette alla giudice per le indagini preliminari Alessandra Vella, durante l'udienza di convalida dell'arresto. Durato circa tre ore, l'interrogatorio si è tenuto nell'aula 9 al secondo piano del tribunale di Agrigento presidiata dalle forze dell'ordine. L'ordinanza sarà emessa domani. La 31enne tedesca, intanto, resta agli arresti domiciliari in un'abitazione privata di Agrigento. Intanto, il procuratore capo Luigi Patronaggio ha fatto sapere di avere chiesto per Rackete «il divieto di dimora nella provincia di Agrigento, che comprende i porti di Porto Empedocle, Agrigento e Lampedusa perché è sufficiente per non danneggiare le indagini».

Nessun problema di ordine pubblico. All'ingresso del tribunale, alcuni agrigentini hanno affisso uno striscione con la scritta «Standing by your side Carola» (Siamo al tuo fianco Carola, ispirato a una canzone di Celine Dion, ndr). «Penso che l'ignoranza vada gestita e la gente vada educata - ha detto uno dei cittadini davanti al tribunale - Se c'è questo clima, probabilmente, c'è un fallimento da parte delle nostre istituzioni sull'educazione e sulla cultura dell'accoglienza. Capisco che i problemi sono tanti, che non c'è lavoro - ha aggiunto - ma non si fa leva sull'emotività di un popolo per alimentare disparità razziale».

Dopo 17 giorni in mare, lo scorso 29 giugno, la capitana ha deciso di entrare nel porto di Lampedusa. Momenti di tensione si sono registrati durante l'attracco, quando una motovedetta della guardia di finanza ha tentato di impedire la manovra ponendosi tra la banchina e la nave. Sbarcati i migranti, Rackete è stata arrestata per resistenza a nave da guerra e pubblico ufficiale e tentato naufragio. «Risponderà a tutte le domande del giudice - aveva detto, prima di entrare in aula per l'interrogatorio, l'avvocato Leonardo Marino che è uno dei legali che assiste la capitana - Rackete ha agito in uno stato di necessità e non aveva alcuna intenzione di usare violenza nei confronti degli uomini delle Fiamme gialle. Ha cercato in ogni modo di evitare questo epilogo, ma non poteva attendere oltre perché la situazione a bordo della nave era drammatica».

Non sembra essere di questo avviso, però, il procuratore capo di Agrigento Luigi Patronaggio che, durante la conferenza stampa a margine dell'udienza di convalida dell'arresto della capitana, ha affermato che «non è stata un'azione necessitata. Non c'era uno stato di necessità poiché la Sea Watch attraccata alla fonda aveva ricevuto, nei giorni precedenti, assistenza medica ed era in continuo contatto con le autorità militari per ogni tipo di assistenza, per cui, per il divieto imposto dalla guardia di finanza di attraccare, non si versava in stato di necessità». Patronaggio ha inoltre precisato però che «cosa diversa è il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina per cui si procede separatamente. Quella sarà la sede (l'altro fascicolo, ndr) dove valutare se l'azione di salvataggio dei migranti effettuata nelle acque antistanti la zona Sar libica sia stata un'azione necessitata. In quell'altro procedimento, verificheremo se i porti della Libia possono ritenersi sicuri e andremo a vedere se la zona Sar è presidiata dalle autorità della guardia costiera libica. Verificheremo anche - ha aggiunto - le concrete modalità del salvataggio cioè se vi sono stati contatti tra i trafficanti di esseri umani e la Sea Watch, se il contatto è avvenuto in modo fortuito o ricercato». 

Subito dopo l'arrivo a Porto Empedocle della comandante, la portavoce della Sea Watch Giorgia Linardi ha informato di averla vista «scendere dalla macchina un po' travolta dagli eventi. Teniamo conto che è stata in una condizione di isolamento negli ultimi giorni e, nei giorni precedenti, in una condizione di relativo isolamento sulla nave. È impossibile per lei, in questo momento, comprendere tutto quello che accade». Concluso l'interrogatorio, il commento del ministro dell'Interno Matteo Salvini non si è fatto attendere: «Dalla giustizia mi aspetto pene severe per chi ha attentato alla vita di militari italiani e ha ignorato ripetutamente le nostre leggi. Dagli altri Paesi europei, Germania e Francia in primis, mi aspetto silenzio e rispetto. In ogni caso, siamo comunque pronti a espellere la ricca fuorilegge tedesca». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.