Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il Trapani batte il Piacenza e torna in serie B
I granata vincono 2-0, è festa al Provinciale

Dopo lo 0-0 della gara d’andata, la squadra di Italiano si impone con le reti di Nzola e Taugourdeau e torna in cadetteria dopo due soli anni di serie C. Allo stadio Provinciale è festa grande, i granata l’anno prossimo disputeranno il quinto campionato cadetto della propria storia

Luca Di Noto

Festa grande al Provinciale, dove il Trapani batte per 2-0 il Piacenza nel ritorno della finale play off di serie C e conquista così la promozione in serie B. Dopo aver eliminato il Catania in semifinale, i granata fanno fuori anche gli emiliani e tornano in cadetteria dopo due sole stagioni di C. I siciliani infatti erano retrocessi nella stagione 2016/17 e l’anno prossimo disputeranno il quinto campionato cadetto della propria storia.

Prima occasione per i padroni di casa, subito pericolosi con Corapi, il cui destro dalla distanza viene messo in corner da Fumagalli, in tuffo. Le occasioni nei primi minuti sono comunque poche, le squadre badano a non scoprirsi e la gara è molto spezzettata per i falli a metà campo. Siciliani comunque pericolosi con Nzola che sciupa al 19’ non impegnando più di tanto Fumagalli, che si salva in tuffo. Due minuti dopo, però, il numero 11 granata è implacabile e, dopo un campanile, il centravanti si gira in area, supera Pergreffi e batte Fumagalli. La reazione emiliana è timida, gli ospiti ci provano con Sestu e Corsinelli e si rendono pericolosi con Di Molfetta che per fortuna dei padroni di casa controlla con un braccio rendendo tutto vano. Prima dell’intervallo, occasione per Bertoncini ma Dini in uscita allontana la minaccia, poi dall’altra parte ci prova Corapi e il portiere blocca così si va al riposo sull’1-0.

Nessuna sostituzione durante il riposo, così le squadre rientrano in campo con gli stessi uomini. Granata pericolosi con Corapi, ma il baricentro dei padroni di casa è decisamente più basso e gli ospiti provano a riequilibrare il match. Il tecnico piacentino inserisce Corazza e Perez, quest’ultimo prova a lanciare Corsinelli ma il suo pallone è impreciso. Attimi di tensione in campo poco dopo, con un brutto scontro testa-testa tra Corradi e Bertoncini, con quest’ultimo che abbandona il campo in ambulanza. Alla ripresa delle ostilità, il Piacenza si affida a qualche lancio lungo con la retroguardia granata che però riesce a controllare senza troppi affanni. Italiano inserisce Evacuo per Nzola e all’84’ il Trapani trova anche il raddoppio: sugli sviluppi di un cacio d’angolo, è Taugourdeau a ribadire in rete dopo un batti e ribatti in area. Dagli spalti arriva l’urlo “serie B!” e i siciliani sfiorano addirittura il tris con Evacuo e Golfo. Al termine dei sette minuti di recupero arriva il triplice fischio arbitrale che porta il Trapani in paradiso.

Il tabellino

Trapani (4-3-3): Dini; Costa Ferreira (90' Scrugli), Taugourdeau, Da Silva, Ramos; Aloi, Toscano, Corapi; Ferretti (66' Golfo), Nzola (78' Evacuo), Tulli (90' Fedato). A disp.: Cavalli, Ferrara, Mulè, Franco, Garufo, Lomolino, D’Angelo, Tolomello. All. Italiano.

Piacenza (4-3-3): Fumagalli; Corsinelli (83' Silva), Pergreffi, Bertoncini (71' Terrani), Barlocco; Marotta (83' Sylla), Della Latta, Corradi; Sestu (57' Corazza), Ferrari (57' Perez), Di Molfetta. A disp.: Calore, Calzetta, Bachini, Cauz, Porcari, Mulas, Nicco. All. Franzini.

Arbitro: Ayroldi di Molfetta (Berti-Avalos); IV ufficiale D’Ascanio di Ancona.

Marcatori: 21' Nzola, 84' Taugourdeau

Note: Ammoniti: Toscano, Da Silva (T), Ferrari, Della Latta (P). Spettatori: 7.439.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.