Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Netturbino mischia rifiuti, Pierobon scambiato per turista
«In Sicilia così funziona». Il post sui social dell'assessore

La vicenda è accaduta oggi al componente della giunta Musumeci in un'importante località turistica di cui non viene fatto il nome. «Non è vero che qui funziona così, i cittadini si stanno impegnando. Non dobbiamo tradire la loro fiducia», scrive su Facebook

Simone Olivelli

Un netturbino prende i rifiuti differenziati di un locale e li mette insieme, vanificando l'impegno di chi precedentemente li ha separati. E alla domanda di un uomo dall'accento settentrionale sul perché di quel comportamento, il ristoratore tenta di giustificare quanto accaduto con la prassi. «Ma lei è del Nord, qui siamo in Sicilia, è così». La risposta però non è stata data a un turista, ma all'assessore regionale ai Rifiuti Alberto Pierobon.

A raccontare l'aneddoto è lo stesso componente della giunta Musumeci, in un lungo post pubblicato su Facebook. «Mi trovo in un'importante località della bellissima Sicilia - scrive Pierobon, omettendo il nome del Comune - e ho assistito a una scena che mi ha colpito molto e che mi porta a delle riflessioni. Passeggiando per le vie del centro ho notato come gli utenti abbiano accuratamente differenziato i propri rifiuti. Ma questa bella constatazione - prosegue - è crollata quando ho notato che un operatore ecologico stava raccogliendo i rifiuti di un locale, divisi accuratamente per tipologia, plastica, carta, cassette, buttandoli tutti insieme nella vaschetta dell'automezzo».

L'assessore racconta di come il titolare del locale abbia comunicato il proprio disappunto al netturbino, il quale però dal canto suo ha archiviato tutto dicendo: «Ma tanto lo sai come funziona». Un'allusione alle presunte falle nella gestione dell'intero ciclo dei rifiuti. Pierobon, che è arrivato in Sicilia convinto di poter contribuire a segnare una svolta nel settore, non ci sta: «Non è così, la Sicilia e i suoi abitanti si stanno impegnando per cambiare radicalmente e diventare una regione virtuosa nella raccolta differenziata - si legge nel post -. Ma tutti devono fare la loro parte, le istituzioni in primis, fino al piccolo operatore di quartiere. I cittadini, e l’ho visto dalla cura con cui erano divisi i materiali, lo stanno facendo. Spetta a noi - conclude - non tradire la loro fiducia».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews