Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Piazza Armerina, incidente con un morto e due feriti
Vittima impegnata in politica, nell'Arci e tra i No Muos

La notte scorsa, sulla strada che collega Piazza Armerina a Gela, ha perso la vita il 34enne Roberto Muscia, che stava tornando a casa da lavoro. Nel suo paese, San Michele di Ganzaria, era molto conosciuto 

Salvo Catalano

Un ragazzo di 34 anni, Roberto Muscia, è morto la scorsa notte in un incidente sulla strada che collega Piazza Armerina a Gela, mentre tornava a casa da lavoro. Sono state coinvolte altre due auto, i cui conducenti sono rimasti feriti ma non sono in pericolo di vita, sono stati portati in codice giallo all'ospedale di Piazza Armerina. L'incidente si è verificato dopo le 23 di ieri al bivio Camemi, sulla statale 117 bis.

La vittima è originaria di San Michele di Ganzaria, nel Calatino, e lì stava tornando dopo una giornata di lavoro in provincia di Enna. Muscia era infatti dipendente di una ditta di Gela. Ad aspettarlo a casa c'era la compagna incinta, il bambino nascerà tra meno di due mesi. In un primo momento era trapelato che la donna fosse a bordo dell'auto, ma in realtà è arrivata sul luogo dell'incidente successivamente. 

Sul posto sono intervenute tre ambulanze e l'elicottero, ma sono stati vani i tentativi di rianimare e intubare il 34enne. Gli altri due feriti sono stati portati in ambulanza all'ospedale di Piazza Armerina, uno in codice giallo, l'altro in codice rosso, ma anche quest'ultimo, una volta al pronto soccorso, è stato rivalutato come codice giallo.

Muscia era molto conosciuto a San Michele di Ganzaria: attivo in politica, due anni fa si era candidato al consiglio comunale nella lista Impegno Comune, ma non solo. Era stato tra i fondatori del circolo Arci e faceva parte del locale comitato No Muos. Nota, inoltre, la sua grande passione per il gruppo musicale dei Nomadi. La polizia di Piazza Armerina ha eseguito i rilievi e ricostruirà l'esatta dinamica dell'incidente. È probabile che nella tragedia abbia influito il violento nubifragio che in quel momento si stava abbattendo nella zona.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews