Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ballottaggi, Lega e M5s potrebbero scegliere il biscotto
Tra Gela e Caltanissetta l'ipotesi sostegno per gli alleati

Archiviato il primo turno elettorale, è già partita la corsa agli apparentamenti in vista del ritorno alle urne, tra due settimane. Nessuna ufficialità di un accordo tra Carroccio e Movimento, ma da entrambe le parti si parla di «rispetto per gli alleati»

Miriam Di Peri

Nessun accordo ufficiale, nessun apparentamento, nessuna spartizione di posti di sottogoverno. Eppure, nella provincia nissena, un reciproco rispetto accomuna i candidati ai ballottaggi tra Gela e Caltanissetta. Nel capoluogo, ad approdare al secondo turno sono Michele Giarratana, sostenuto dai partiti di centrodestra ma non dalla Lega, e il pentastellato Roberto Gambino. D'altra parte, all'ombra delle trivelle di Gela il ballottaggio vedrà contrapposti il leghista Giuseppe Spata (sostenuto anche da Udc e Fratelli d'Italia) e Lucio Greco (supportato da Pd e pezzi di Forza Italia). Certo, sul reciproco sostegno - tra Lega e M5s - non si sbilancia nessuno. Ma non mancano i segnali

Così, ad esempio, sentendo il regista del Carroccio per questa tornate di elezioni amministrative nel Nisseno, Alessandro Pagano, la linea è netta: «Sia nella Lega che nei cinquestelle si ha uno stile che consente a ciascuno di guardare all'altro con attenzione, ma non siamo adusi ad apparentamenti, siamo partiti seri noi». Però aggiunge anche: «Con Giancarlo Cancelleri proveniamo dalla stessa città, ci siamo rispettati, ci rispettiamo e ci rispetteremo». Parole che, insomma, seppur non esplicitamente, lasciano intendere che laddove possibile si favorirà l'alleato di governo al secondo turno. 

Dal canto loro, i pentastellati hanno sempre imboccato una direzione chiara ai ballottaggi: invitare ad andare a votare, ma non indicare alcuna forma di apparentamento con altri candidati. Lo conferma, ad esempio, il pentastellato candidato alla carica di primo cittadino a Gela, ma che non è approdato ai ballottaggi, Simone Morgana, che precisa che al secondo turno non saranno date indicazioni. 

«I voti al Movimento - ammette Giancarlo Cancelleri - non sono voti "nostri", sono i voti della gente. Noi invitiamo comunque ad andare a votare, perché chiunque sarà eletto deciderà il futuro della sua comunità per i prossimi cinque anni, il voto è sempre un importante momento democratico». Certo, nel caso di Caltanissetta, risulta difficile immaginare che la Lega possa sostenere il candidato di Forza Italia. «Io faccio una considerazione - prosegue il leader pentastellato -. In questo momento la Lega ha lanciato un'opa su Forza Italia in Sicilia, sta cercando di divorare non soltanto l'elettorato, ma anche le energie in termini di classe dirigente. Ha già cominciato con Pogliese e sta uscendo i muscoli. È chiaro che ora è il momento di cambiare partito per coloro che da altri partiti del centrodestra vogliono avvicinarsi alla Lega. Ed è altrettanto ovvio che laddove si presentano situazioni di questo tipo, difficilmente la Lega farà votare Forza Italia». 

«Noi - aggiunge Cancelleri - non facciamo alleanze, ma siamo pronti a dialogare con tutti su programmi e progetti. Non ci saranno scambi di poltrone, ma siamo rispettosi dell'esperienza elettorale degli altri». Ancora una volta, dunque, torna il concetto di rispetto che accomuna le parole tanto di Pagano quanto di Cancelleri. Per usare una metafora calcistica, insomma, un «biscotto». La metafora è ripresa anche da Igor Gelarda, oggi Lega ma un tempo pentastellato: «Lo so che potremmo fare il biscotto con il M5s a Gela e Caltanissetta - ammette - ma noi dialoghiamo con tutte le forze politiche e oneste, al momento non ci sono corsie preferenziali. Ci siederemo a un tavolo insieme al senatore Candiani e valuteremo».

Diverso, invece, è il caso di Mazara del Vallo, l'altro Comune al ballottaggio con uno dei candidati espressione di una delle due componenti gialloverdi al governo nazionale. Lì al secondo turno approdano Salvatore Quinci (cicivhe) e Giorgio Randazzo (Lega). In questo caso una parte dell'elettorato cattolico e moderato dei cinquestelle potrebbe guardare al candidato civico, più che all'alleato leghista. Ma le ipotesi, al momento, restano tutte in campo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.