Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, torna in carcere l'avvocato Giuseppe Arnone
Tribunale revoca l'affidamento in prova ai servizi sociali

Il noto legale, in prima linea a difesa della causa ambientalista, ha ricevuto la notifica da parte del personale della Digos. Ha violato diverse prescrizioni, a partire dal non comunicare con l'esterno tramite volantini ritenuti lesivi dell'immagine delle istituzioni

Redazione

Foto di: agrigentonotizie

Foto di: agrigentonotizie

Torna dietro le sbarre l'avvocato agrigentino ed ex consigliere comunale Giuseppe Arnone. Ad arrestarlo, su disposizione del tribunale di Sorveglianza, sono stati i poliziotti della Digos. Arnone ha avuto la revoca dell'affidamento in prova ai servizi sociali, misura che gli era stata concessa a inizio 2018 per espiare un cumulo di pene per quasi tre anni e mezzo. 

Il noto legale, che ha unito il proprio nome alla causa ambientalista e che qualche anno fa è stato arrestato con l'accusa di estorsione nei confronti di una collega, avrebbe dovuto però rispettare alcune prescrizione, come il divieto di comunicare tramite posta elettronica, accedere a forum e chat, usare i social network e i mezzi di comunicazione digitali. Tra i divieti anche quello di distribuire volantini lesivi dell'immagine delle istituzioni. 

Così però non sarebbe stato. Arnone, infatti, è stato più volte beccato a violare i divieti. Tra gli ultimi gesti commessi la distribuzione di volantini in cui si propagandava la sua elezione al consiglio dell'Ordine degli avvocati di Agrigento. Per il tribunale, nei volantini, Arnone «non rappresenta concreti programmi elettorali e non li ha distribuito ai soli avvocati, ma riproduce la copertina di un suo libro, asseritamente di prossima pubblicazione, intitolato: Storie comiche di 8 importanti pessimi magistrati, riportandone uno stralcio dove prende di mira due magistrati in servizio alla Procura di Agrigento: Salvatore Vella e Alessandra Vella».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.