Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Ardizzone e Caleca al Cga, c'è la firma di Mattarella
Il primo nel 2015 ne aveva proposto la soppressione

L'ex presidente dell'Assemblea regionale siciliana e il noto avvocato, ex legale anche di Antonello Montante, prenderanno posto nella sezione consultiva e in quella giurisdizionale dell'organo che in Sicilia esamina i ricorsi che seguono alle sentenze del Tar

Simone Olivelli

Foto di: centonove

Foto di: centonove

Adesso è ufficiale: Giovanni Ardizzone e Nino Caleca entrano a fare parte del Consiglio di giustizia amministrativa. Il passo che mancava, e che è arrivato, era la firma del decreto di nomina da parte del presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Ardizzone, presidente dell'Ars fino all'ultimo giorno dell'era Crocetta, andrà alla sezione consultiva, mentre il posto di Caleca sarà nella sezione giurisdizionale. 

Ardizzone oggi ha espresso la propria soddisfazione con un post sul proprio profilo Facebook. «Il mio grazie va a chi mi consente di continuare un impegno nelle istituzioni, nel rispetto del dovere di adempiere con disciplina e onore le nuove e diverse funzioni pubbliche che mi vengono affidate», scrive l'ex deputato regionale Udc. 

Guardando indietro nel tempo, tuttavia, proprio Ardizzone si era espresso in maniera chara nei confronti dell'esistenza in Sicilia del Consiglio di giustizia amministrativa, organo di secondo livello nell'Isola che si occupa di discutere gli appelli alle sentenze del Tar. Un unicum nel panorama nazionale, dato che i residenti delle altre regioni, per fare ricorso, debbono rivolgersi direttamente al Consiglio di Stato. Era infatti il 2015, quando Ardizzone in un'audizione alla commissione parlamentare per le questioni regionali avanzò l'ipotesi di chiudere il Cga per «assicurare uniformità di giudizio in tutta Italia». Obiettivo, questo, che si sarebbe potuto raggiungere soltanto facendo in modo che anche per i siciliani fosse il Consiglio di Stato a decidere sui ricorsi in appello. Raggiunto da MeridioNews per una replica, il nuovo componente del Cga taglia corto: «Non rilascio dichiarazioni».

Nei mesi passati ad avanzare perplessità davanti alla nomina di Ardizzone e Caleca erano stati il Movimento 5 stelle e Claudio Fava (Cento passi). Per i cinquestelle, il coinvolgimento di Caleca come legale in processi importanti, ad esempio fino a qualche mese fa quello sull'ex numero di Confindustria Sicilia in cui la Regione è parte civile, nonché la vicinanza a «importanti imprenditori e politici tutt'ora in carica» non avrebbe dato garanzia di quella autonomia necessaria a chi svolge un ruolo come quello di componente di un organo di giustizia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Viaggiare in Sicilia

Percorsi, itinerari e consigli per chi vuole viaggiare in Sicilia lontano dalle solite mete e dai circuiti turistici di massa

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

La mafia nel Siracusano

La provincia di Siracusa - soprattutto la parte Sud, tra Noto, Pachino e Avola - deve fare i conti con una criminalità organizzata che condiziona sempre più le attività economiche, a cominciare dall'agricoltura

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.