Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Agrigento, il mare ora minaccia la statale 640
Frane a pochi metri. «Intervenga la Regione»

La denuncia arriva dall'associazione Mareamico che ha realizzato un video col drone tra Porto Empedocle e Agrigento. Le immagini evidenziano come il moto del mare abbia eroso la spiaggia e minaccia l'infrastruttura. Guarda foto e video

Redazione

La più importante infrastruttura stradale dell'agrigentino, la Statale 640, a rischio crollo in più punti perché minacciata dall'erosione del mare. La denuncia arriva dall'associazione ambientalista Mareamico che, per rendere evidente quanto sia concreto il pericolo, ha realizzato un video col drone tra Porto Empedocle e Agrigento. Le immagini evidenziano come il moto del mare abbia eroso la spiaggia e minaccia la statale.

«L'erosione costiera e il dissesto idrogeologico sono un mix devastante per le coste dell'agrigentino - denuncia Mareamico - Il prossimo obiettivo di questo fenomeno distruttivo è la statale 640, che da Porto Empedocle conduce ad Agrigento. Ormai le frane distano pochi metri dalla sede stradale ed è a rischio pure una galleria». Quindi l'appello alle istituzioni: «È necessario effettuare urgentemente uno studio sull'unità fisiografica (Capo Rossello - Punta Bianca) e agire. In questo tratto di costa, lungo circa 28 chilometri, ben 15 risultano a rischio crollo. La Regione Sicilia e l'Anas debbono immediatamente intervenire a rimedio».

Stando alle stime dell'associazione, rimanendo nel solo territorio del Comune di Agrigento, dei 16 chilometri di spiaggia agrigentina sette (cioè il 44 per cento) sono inibiti alla pubblica fruizione, poiché a rischio crollo. «Le situazioni peggiori - indica Mareamico - si registrano da Zingarello fino a Punta bianca, nel viale delle dune e al Caos. Ultimamente la zona del Caos è quella che preoccupa di più, anche perché le frane presto coinvolgeranno la galleria della statale 640, che è l'unica infrastruttura che permette ai camion, provenienti dal porto di Porto Empedocle, di andare ovunque in Sicilia. Il comune di Agrigento - denuncia - non è in grado di presentare alcun progetto alla Regione. Sarebbe il caso che intervenga urgentemente la Protezione civile».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×