Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Evasione fiscale nel settore dei rottami ferrosi
Guardia di finanza scova 22 imprese fantasma

L'ammontare delle somme sottrate al fisco è superiore ai due milioni. I controlli sono stati effettuati nell'ambito della lotta al fenomeno dell’esercizio abusivo dell’attività di recupero, lavorazione e commercializzazione dei materiali

Redazione

La guardia di finanza di Messina, nel corso di una serie di controlli, ha scoperto un’evasione fiscale di oltre due milioni di euro realizzata da 22 imprese che non hanno presentato le previste dichiarazioni e che quindi hanno assunto la qualifica di evasori totali. È questo l’esito degli accurati accertamenti svolti dai militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Messina finalizzati al contrasto e all’emersione dell’economia sommersa, nonché alla lotta al fenomeno dell’esercizio abusivo dell’attività di recupero, lavorazione e commercializzazione di rottami ferrosi.

I soggetti coinvolti, operanti nel territorio cittadino, erano completamente sconosciuti al fisco e nel corso degli anni analizzati hanno sottratto alle casse dell’Erario una massa imponibile di oltre cinque milioni di euro. L’operazione, sviluppatasi attraverso l'esecuzione di 22 interventi, ha permesso di recuperare le imposte evase e di avviare l’iter per l’irrogazione delle relative sanzioni fiscali.

Sono stati, inoltre denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Messina 4 soggetti responsabili del reato tributario di omessa dichiarazione. Il servizio testimonia il continuo e quotidiano impegno delle Fiamme Gialle a tutela della legalità; i risultati ottenuti non sono solo riconducibili alla lotta all’evasione fiscale, ma hanno anche messo in luce gli effetti distorsivi alla libera concorrenza e al corretto funzionamento del mercato. Gli operatori controllati, infatti, riuscivano, illecitamente, ad offrire servizi ad un prezzo inferiore rispetto a quelle aziende che operano nel rispetto della peculiare normativa che disciplina la materia.

(Fonte: Comando provinciale della guardia di finanza di Messina)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews