Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il presidente Musumeci valuta le dimissioni
La strada scelta per superare lo stallo all'Ars

Il governatore già ieri sera avrebbe manifestato la ferma volontà di rimettere nelle mani della giunta il suo incarico. In corso la riunione con i suoi assessori che cercheranno di fargli cambiare idea. Pomeriggio si torna in aula, dove la maggioranza di centrodestra non c'è più

Miriam Di Peri

Quella che ieri sera appariva come una certezza, questa mattina, dalle parti di palazzo d'Orleans, ci si augura che sia diventata soltanto una minaccia, dopo una nottata che magari ha portato consiglio. Ma intanto i vicinissimi al governatore non hanno dubbi: Nello Musumeci ha convocato per mezzogiorno la giunta di governo per annunciare all'esecutivo le sue dimissioni e consegnarle, nel pomeriggio, all'Aula.
Nessun piano B, nessuna ipotesi - al momento e stando così le cose - di rimpasto o azzeramento della giunta. Nessun ribaltone. Il presidente piuttosto preferisce prendere atto dell'implosione della sua coalizione e rimandare gli elettori alle urne.

Sarà davvero un mezzogiorno di fuoco, quello della giunta fissata per le 12 di oggi. Gli scontri degli scorsi giorni, il clima di tensione che da mesi si respira all'interno della maggioranza, un governo in ostaggio dei franchi tiratori all'Assemblea regionale. E ancora, gli attacchi trasversali, da Micciché a Razza, dagli assessori ai deputati e viceversa, le assenze nei giorni dell'esame della Finanziaria, da Calderone a Genovese, fino a Figuccia, Caronia e La Rocca Ruvolo, in congedo nella seduta in cui si è votato il bilancio. Il braccio teso dei Cinque Stelle e l'intenzione - ferma - di Musumeci di tenere fede al patto con gli elettori, che alle scorse regionali hanno scelto, sì, lui. Ma sostenuto da una precisa coalizione di governo.

Sono in molti in queste ore a tentare la via della mediazione col governatore che, però, appare irremovibile anche agli occhi dei suoi uomini più vicini. Di certo sarà una giunta molto intensa e contrastata. Al termine della quale sarà chiaro se gli assessori saranno riusciti a fargli cambiare idea. O se l'aula sarà chiamata per approvare una finanziaria tecnica, di servizio, per poi ratificare le dimissioni del governatore e dare appuntamento ai siciliani ai seggi elettorali.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×