Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Torna il progetto della Grande Città tra Erice e Trapani
«Assurdo che molte case hanno le porte in due Comuni»

La fusione tra i due centri del Trapanese non è un'idea nuova. Se ne parla dagli anni '90. A farla tornare alla cronaca adesso, in seguito alle recedenti vicende giudiziarie, è stata la deputata regionale dell'Udc Eleonora Lo Curto. Ma cosa ne pensano i cittadini?

Pamela Giacomarro

Del progetto della Grande Città, che prevede la fusione dei comuni di Trapani ed Erice, si parla dagli anni ’90. Nel 2017, l’idea fu rilanciata dall’ex senatore Antonio D’Alì nel corso della campagna elettorale per le elezioni comunali. Oggi a parlare della possibilità di fondere i due Comuni è la deputata regionale dell’Udc Eleonora Lo Curto e lo fa dopo le indagini della magistratura che hanno interessato il comune della Vetta con la sindaca Daniela Toscano che ha ricevuto il divieto di dimora a Trapani e Erice per le ipotesi di reato di calunnia e abuso d'ufficio

«Le vicende di Erice possono aprire inediti scenari sotto il profilo della governance territoriale. Torna di assoluta attualità - scrive la deputata in una nota - il tema della unificazione dei due comuni di Erice e Trapani che sono e costituiscono un unicum territoriale ancora assurdamente separato». Una proposta di cui si parla da tanto e che per Lo Curto «costituirebbe una ovvia opportunità per dare linearità all’azione amministrativa a favore dei cittadini dei medesimi Comuni». Sul tema anche i cittadini prendono posizione.

D’accordo con la fusione, ma in contrasto con le parole di Lo Curto legate alle recenti vicende giudiziarie è la ristoratrice Caterina Loria che, da anni, è impegnata anche nel comitato per la salvaguardia dell’aeroporto di Birgi. «L’idea di un’unica grande città che possa riunire i due Comuni, secondo me, è un'intuizione vincente. Da sempre i cittadini chiedono chiarezza e, soprattutto, una visione logica che si proponga di alleggerire i costi - spiega Loria a MeridioNewsunire invece di separare, accorpare invece di ramificare». Un'idea da tenere in considerazione ma che «almeno per il momento - aggiunge Loria - risulta essere un sogno irrealizzabile». 

E c'è chi, in questo senso, prova a sognare ancora più in grande. «Immagino un territorio unico che comprenda Trapani, Erice, Paceco e Valderice», dice a MeridioNews Maria Pia Erice. La donna, che in passato è stata impegnata nella politica locale, oggi continua a portare avanti diversi progetti sul territorio trapanese. «Le ultime vicende ci raccontano un territorio povero in cui la politica non investe ma diventa essa stessa reddito per chi la fa - dice Erice facendo riferimento alle recenti vicende giudiziarie - Avere un ruolo istituzionale si trasforma così in un lavoro che genera rapporti di sudditanza. Una subordinazione che serve al cittadino per superare difficoltà quotidiane e al politico per mantenere il proprio stato. Nonostante tutto - aggiunge Erice - è una catena che si può spezzare costruendo comunità consapevoli e libere e investendo in welfare». 

Per la deputata Lo Curto, la proposta della Grande Città è «una necessità avvertita anche dai cittadini: a Erice vetta abitano ormai poco più di duecento persone, mentre il resto della popolazione vive di fatto a Trapani. Un accorpamento dei territori consentirebbe un indubbio vantaggio per il miglioramento dei servizi. È incredibile pensare - continua - che oggi nessuno nasce a Trapani nonostante vi abiti, poiché l’ospedale si trova nel territorio di Erice. Così come è assurdo che molte abitazioni hanno un doppio ingresso, su due vie di cui una in territorio di Trapani e l’altra in territorio di Erice». 

Una situazione che creerebbe anche problemi di natura fiscale e di funzionalità ed efficacia dei servizi. «Questa assurda situazione, che si trascina da anni, deve trovare una soluzione definitiva in una fusione territoriale». Così Lo Curto ha annunciato che nei prossimi giorni presenterà un disegno di legge per semplificare il complesso iter previsto. «Lo stesso - ha concluso - che ha seguito il comitato per la costituzione del comune di Misiliscemi» che, nei giorni scorsi, ha ricevuto parere favorevole dalla prima commissione all’Ars. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews