Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina, la rissa agli imbarcaderi tra ultras locali e baresi
Cinque persone arrestate, lanci di bombe carta e fumogeni

La polizia ha chiuso il cerchio attorno ai responsabili degli scontri che sono avvenuti, in due occasioni, tra fine ottobre e inizio novembre. Protagonisti in entrambe le circostanze i supporter pugliesi di ritorno dalle trasferte a Marsala e Acireale. Il video

Simona Arena

Ci sono gli scontri tra tifosi agli imbarcaderi privati di Messina della società Caronte&Tourist al centro dei provvedimenti emessi oggi dalla procura peloritana nei confronti di cinque ultras baresi identificati grazie alle indagini condotte dai poliziotti della Digos. Due in particolare gli episodi contestati ai cinque tifosi. Si tratta della rissa verificatasi il 21 ottobre scorso quando un piccolo gruppo di tifosi del Messina, appena sbarcato e proveniente da una trasferta a Torre del Greco, è stato aggredito dai tifosi baresi, in attesa di imbarcarsi alla volta di villa San Giovanni, di rientro dalla partita di calcio disputatasi a Marsala

Guerriglia urbana sedata dei poliziotti presenti sul posto. Le due tifoserie si sono lanciate a vicenda fumogeni e bombe carta. Gli agenti in quell’occasione fecero risalire tifosi del Bari sul pullman e allontanarono quelli messinesi evitando ulteriori danni. La Digos di Messina in collaborazione con quella di Bari ha poi emesso dieci denunce piede libero. Il secondo episodio, il 4 novembre 2018, vede nuovamente i tifosi del Bari di rientro da Acireale in attesa di imbarcarsi, scendere dai mezzi e avvicinarsi all’auto degli utenti incolonnati in sosta in cerca di ultras messinesi. Alla vista dei poliziotti, la reazione violenta dei supporter baresi si scatena con il lancio di corpi contundenti, fumogeni e bombe carta che causavano lesioni lievi a tre poliziotti. Anche in quel caso l’intervento degli agenti ha evitato che la situazione peggiorasse. Sette le persone segnalate al termine dell’intervento.

Due spiacevoli episodi che niente hanno a che vedere con le partite giocate negli stadi. Questo non è calcio è infatti il nome scelto per l’operazione che ha visto notificare oggi cinque ordinanze di custodia cautelare ai domiciliari per i baresi Roberto Conese 33 anni, Cristiano Ladisi 36 anni, Nicola Sibillini, 25 anni, Vitangelo Spizzico, 35 anni e Marco Atzori, 26 anni originario di Genova. Quest’ultimo è stato portato in carcere perché durante la perquisizione domiciliare i poliziotti della Digos hanno trovato un chilogrammo di hashish, un bilancino di precisione, una pistola giocattolo, tre proiettili di cui due da guerra e un tubo telescopico utilizzato per offendere. Le accuse contestate a vario titolo sono interruzione di un servizio di pubblica utilità, danneggiamento aggravato, lancio e possesso di materiale pericoloso ed oggetti contundenti, lesioni personali, e mancato ottemperamento al Daspo.

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×