Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Erice, rapina in villa a danno di una coppia di medici
In 4 li narcotizzano e abbattono la parete del caveau

Ore drammatiche per Renato Salone, ex primario chirurgo in pensione, e Francesca Paola Maltese, in servizio nel reparto di ginecologia dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani. I malviventi sono riusciti a portare via un bottino ingente

Pamela Giacomarro

In quattro, armati di pistola e a volto coperto, assaltano una villa, rapinando una coppia di coniugi medici. Vittime, Renato Salone, ex primario chirurgo in pensione, e Francesca Paola Maltese, in servizio nel reparto di ginecologia dell’ospedale Sant’Antonio Abate di Trapani. Per circa quattro ore sono rimasti in balia dei malviventi e in preda al terrore. Il colpo è stato messo a segno nella notte tra domenica e lunedì. 

I responsabili dell’incursione erano a conoscenza di un particolare: la villa di viale Europa, a Erice Casa Santa, era sprovvista di sistema d’allarme a causa dei lavori di ristrutturazione tuttora in corso. Così, intorno all’una e trenta, i banditi, con accento palermitano, sono piombati nell’immobile. 

Marito e moglie – sono i genitori dell’ex consigliere comunale Francesco Salone - stavano dormendo. La donna è stata narcotizzata e legata. I banditi, per immobilizzarla, hanno utilizzato delle fascette. Al coniuge, invece, hanno puntato una pistola alla tempia, intimandogli di aprire la cassaforte. Quando il professionista ha mentito, sostenendo di aver lasciato la chiave in una cassetta di sicurezza della sua banca, i rapinatori non si sono persi d'animo. 

Hanno abbattuto la parete di un caveau sotterraneo, utilizzando degli attrezzi, impossessandosi del forziere contenente preziosi e gioielli. Portato a compimento il loro progetto, sono fuggiti riuscendo a far perdere le proprie tracce. Non si esclude che ad attenderli fuori vi fosse un altro complice verosimilmente a bordo di un’auto utilizzata per la fuga. Il bottino sarebbe ingente. 

Scattato l’allarme, sono intervenuti gli agenti di polizia che hanno avviato le indagini per risalire ai componenti della banda. I due coniugi sono stati ascoltati dagli investigatori alla ricerca di qualche elemento che li possa mettere sulla pista giusta. Ad agire sarebbero professionisti che hanno studiato l’incursione nei minimi particolari.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Trivelle, opportunità o pericolo?

È la regione più interessata alla ricerca e all'estrazione di gas e petrolio. Attività contro cui si batte il movimento No Triv

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×