Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Caltanissetta, 20 scuole potrebbero restare chiuse
L'ex Provincia è in crisi. Non può pagare luce e gas

Le croniche difficoltà finanziarie del Libero consorzio hanno causato la disdetta dei contratti con le compagnie fornitrici. Interessate anche le utenze telefoniche. Oltre 16mila gli studenti che rischiano di rimanere a casa dopo le vacanze

Redazione

Oltre sedicimila studenti in provincia di Caltanissetta rischiano di non potere fare rientro in classe dopo le vacanze natalizie. Sono quelli che frequentano gli istituti superiori gestiti dal Libero consorzio, l'ex Provincia che, così come gli altri enti di area vasta della Sicilia, vivono una crisi finanziaria la cui soluzione non sembra dietro l'angolo. I conti in rosso hanno causato, infatti, la disdetta dei contratti di luce, gas e telefono in venti scuole. Bollette non pagate e servizi che non potranno essere garantiti. Nei prossimi minuti si terrà un vertice in prefettura per ragionare su cosa fare. 

Ad accendere i riflettori è stata anche la parlamentare Giusi Bartolozzi, che ha depositato un'interrogazione ai ministri degli Interni, dell'Economia e dell'Istruzione, oltre che una richiesta ispettiva all'assessorato regionaele alle Autonomie locali. «L'ente versa in una gravissima situazione finanziaria per il prelievo forzoso dello Stato - dichiara Bartolozzi - che ha eroso gli avanzi d'amministrazione e così non vengono pagate le spese correnti degli istituti e, cosa ancor più grave, non verrà assicurato il servizio di assistenza ai disabili. Tutto questo eè inaccettabile. Mi sono battuta per questo durante l'esame della manovra ma la maggioranza - continua la parlamentare nazionale - ha bocciato l'emendamento e poi il mio ordine del giorno per eliminare il prelievo forzoso, senza che alcun parlamentare leghista o grillino eletto in Sicilia abbia tentato di comprendere e sostenere questa giusta causa».

Tra chi risentirà dei disagi sono anche le società sportive che svolgono le proprie attività nelle strutture dell'ex Provincia. Questo il caso del PalaCarelli. «Attivi da dieci anni per lo sviluppo e il coinvolgimento dei giovani appassionati di Futsal - si legge in una nota della KalatC5, società di calcio a cinque -. La nostra società oggi si trova nell’impossibilità di proseguire le proprie attività didattico educative perché il Libero consorzio dal primo di gennaio ci ha comunicato la non possibilità di usufruire degli spazi regolarmente concessi sino al 31 dicembre per mancanza di fondi».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Il calcio che conta (storie dalle periferie del pallone)

Lontano dai riflettori della serie A, le storie e i profili più interessanti dalle squadre siciliane impegnate nei campionati minori

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×