Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Siracusa-Gela, il ministero dà via libera a Cosedil
La ditta catanese subentra a Condotte nei lavori

L'impresa si è impegnata a proseguire i lavori che devono portare l'infrastruttura fino a Modica. La consegna prevista originariamente per l'estate 2019 è slittata più volte. E sull'opera pende anche il difficile nodo dei contenziosi

Salvo Catalano

Foto di: Roberto Palermo

Foto di: Roberto Palermo

Un altro piccolo passo verso la ripartenza dei lavori sull'autostrada Siracusa-Gela. Il ministero dello Sviluppo economico ha dato via libera alla transazione tra Condotte e Cosedil per il subentro di quest'ultima nell'appalto per i lotti 6, 7 e 8, quelli che dovrebbero portare l'infrastruttura da Rosolini a Modica. Ma che al momento sono quasi del tutto fermi, a causa del fallimento del colosso delle costruzioni Condotte, capofila del consorzio di imprese (Condotte al 70 per cento più Cosedil al 30) che si era aggiudicata l'appalto da 284 milioni di euro. I 20 chilometri sarebbero dovuti essere pronti a luglio del 2019. Scadenza ormai ampiamente saltata: l'ultimo termine annunciato dalla Regione adesso è il luglio 2020, ma anche questo orizzonte, vista la situazione, rischia di non essere sicuro. 

Dopo i guai finanziari di Condotte - terzo gruppo italiano nel settore delle costruzioni con oltre un miliardo di fatturato e cinquemila dipendenti, commissariata dal governo nazionale dopo una richiesta di concordato preventivo caduta nel vuoto - il Consorzio autostrade siciliano, controllato dalla Regione, ha scelto di non risolvere il contratto con il consorzio, ma di tentare ad andare avanti con la ditta rimasta, Cosedil, impresa con sede a Santa Venerina di proprietà della famiglia Vecchio (il fondatore è Andrea Vecchio, ex senatore montiano nella passata legislatura). Registrata la disponibilità di Cosedil a subentrare, si attendeva il parere del ministero dello Sviluppo economico sull'accordo transattivo tra le due imprese. Il via libera - anche a seguito del pressing attuato nei mesi scorsi dell'assessore alle Infrastrutture Marco Falcone - è arrivato pochi giorni fa. Nel documento si sottolinea che, al 10 maggio del 2018, «lo stato di avanzamento dei lavori è al 50 per cento» e che «la posizione debitoria complessiva dell'Associazione temporanea di imprese risulta di 38 milioni di euro, di cui 28 milioni verso i subappaltatori». 

Cosedil non subentrerà soltanto nella prosecuzione dei lavori, ma avrà un ruolo ancora più centrale anche nei contenziosi. In particolare in quello che, insieme a Condotte, ha avviato nei confronti del Cas e che rappresenta ancora oggi una spada di Damocle sull'opera. L'impresa sostiene di vantare crediti per 197 milioni di euro per costi costi lievitati durante i lavori. Una somma che sarebbe figlia di variazione dei prezzi, ordini di servizio aggiunti in corso d'opera e così via, e che il Cas non intende riconoscere. Due commissioni tecniche hanno lavorato per quantificare il reale valore del contenzioso e fornire elementi utili per poi addivenire a un accordo transattivo fuori dalle aule di giustizia (al Tribunale civile di Palermo pende un ricorso). L'ultima commissione, presieduta dal dirigente regionale delle Infrastrutture Salvatore Lizzio, ha ultimato i lavori un mese fa, consegnando le sue conclusioni al Cas. Tuttavia, secondo il Consorzio autostrade, la prosecuzione dei lavori da parte di Cosedil «non è affatto subordinata alla definizione di un accordo sulle riserve». 

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×