Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Girgenti, Procura sequestra i ricorsi amministrativi
Nell'indagine coinvolto ex presidente Cga De Lipsis

I pm hanno portato via i documenti presentati dalla società al Tar di Catania, di Palermo e al Consiglio di giustizia amministrativa siciliano. L'ipotesi è che il giudice abbia condizionato e orientato le decisioni in favore di Girgenti

Marta Silvestre

Foto di: Grandangolo Agrigento

Foto di: Grandangolo Agrigento

La procura di Agrigento ha disposto il sequestro di atti e documenti riguardanti i ricorsi amministrativi presentati nel corso del tempo dalla Girgenti Acque - la società che gestisce il servizio idrico e fognario in molti Comuni dell'Agrigentino, colpita pochi giorni fa da un'interdittiva antimafia - al Tar di Catania, al Tar di Palermo e al consiglio di giustizia amministrativa di Palermo. Il provvedimento, eseguito dal nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza di Agrigento, tende ad accertare le presunte responsabilità dell'ex presidente del Cga Raffaele De Lipsis

L'ex presidente del Cga Sicilia è stato anche nominato nel febbraio del 2017 nell'organismo di vigilanza di Girgenti Acque, un istituto di autocontrollo creato dalla società per garantire trasparenza e regolarità. E invece a De Lipsis è contestato il contrario, e cioè reati di associazione a delinquere, corruzione, truffa, ricettazione, corruzione elettorale e false comunicazioni in ambito societario. Inoltre lui è tra gli 81 indagati nell'ambito del filone investigativo sulle assunzioni condotto dal procuratore aggiunto Salvatore Vella e dalle pm Alessandra Russo e Teresa Vetro. In particolare, i magistrati ipotizzano che il giudice De Lipsis possa avere condizionato e orientato le decisioni della giustizia amministrativa sulle cause riguardanti Girgenti Acque.

Dopo la fine della sua esperienza di alto magistrato amministrativo, De Lipsis viene nominato membro dell'organo di vigilanza interno di Girgenti Acque. I documenti sequestrati dai finanzieri (provvedimenti firmati da De Lipsis) sono adesso al vaglio del pool di magistrati della procura di Agrigento che si occupa delle indagini. Nello stesso procedimento sono indagati anche il prefetto di Agrigento, Nicola Diomede e Angelo Alfano, padre dell'ex ministro degli Esteri Angelino, che è stato assessore e vicesindaco ad Agrigento con la Democrazia cristiana. Oltre a loro anche l'ex presidente della Regione Sicilia, Raffaele Lombardo, l'ex presidente della Provincia di Agrigento, Eugenio D'Orsi, deputati ed ex deputati, politici, dirigenti pubblici, giornalisti e avvocati. Stando alla ricostruzione fatta dai pubblici ministeri, avrebbero beneficiato di assunzioni per loro o per i propri familiari in cambio di favori.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email