Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Beni demaniali, ecco il bando rivolto ai privati 
«Farne siti turistici, commerciali o artigianali»

Si tratta di 52 immobili presenti sul territorio regionale. Tra essi ci sono torrette di avvistamento, edifici risalenti al Seicento e Settecento, ex caserme. Musumeci: «Ci rivolgiamo agli operatori che hanno esperienza nel settore»

Miriam Di Peri

Concessioni di durata variabile dai 6 ai 50 anni, 52 beni già individuati e pronti per essere messi a bando, tra i quali il rudere del castello della Falconara, a Butera, in provincia di Caltanissetta, la Torre Pozzillo a Cinisi, nel Palermitano, e le ex Cupole di Milazzo, nel Messinese. Sono alcuni dei beni demaniali in stato d’abbandono di proprietà della Regione Siciliana che verranno concessi a titolo oneroso ai privati che parteciperanno al bando che verrà reso noto nelle prossime settimane. Tra 60 e 90 giorni i tempi di partecipazione alla gara a evidenza pubblica, a seguito della quale gli assegnatari dei beni potranno dare il via alla valorizzazione degli immobili.

Ad annunciarlo, questa mattina in conferenza stampa, il presidente della Regione, Nello Musumeci, e l'assessore al Territorio e Ambiente, Toto Cordaro, con il direttore del dipartimento Giuseppe Battaglia. I beni censiti sono otto nella provincia di Palermo, nove in quella di Messina, cinque in provincia di Caltanissetta, otto in provincia di Agrigento, otto in provincia di Catania, uno in provincia di Siracusa, uno in provincia di Ragusa, dodici in quella di Trapani.

Secondo il governatore, «si tratta di un patrimonio che fino a qualche anno fa non costituiva oggetto di attenzione da parte della pubblica amministrazione né dello Stato né della Regione». Ad oggi, dalle parti della Regione, non è noto il numero esatto dei beni abbandonati che potrebbero ancora essere messi a bando, come ammesso dallo stesso primo inquilino di palazzo d’Orleans: «Non sappiamo - sottolinea - quanti sono i beni marittimi della Regione e se non avessimo avviato con il nostro dipartimento una ricognizione, oggi non potremmo dirvi che ne vogliamo cominciare a recuperare 52. Continueremo a lavorare grazie agli archivi, ai Comuni e alle ex Province che ci segnaleranno gli edifici nei territori per capire quante sono le costruzioni realizzate sulla costa, un tempo funzionali e oggi abbandonati, costituendo testimonianza di degrado ambientale e culturale».

Alcuni dei beni rivestono una importante testimonianza storica: sono torri di avvistamento, edifici del '600 e del '700, ma anche ex caserme della guardia di finanza; altri sono ex edifici industriali e altri ancora veri e propri ruderi. «Dobbiamo salvaguardare i fabbricati - aggiunge Musumeci -, riqualificare le aree di pertinenza, valorizzarli, destinarli ad attività compatibili, attività turistiche e commerciali. In questo modo, si avvia non soltanto un recupero del degrado ambientale, ma anche un incremento delle entrate erariali. Abbiamo immaginato - continua il governatore - anche la possibilità di renderli compatibili con le attività di stabilimenti balneari, attività legate agli sport, bar e ristoranti, noleggio imbarcazioni e natanti, attività legate alla nautica e al diporto, attività artigianali, punti di ormeggio e ricovero per imbarcazioni».

«Dunque - conclude Musumeci - ci rivolgiamo alle imprese e agli operatori economici specialmente quelli che possono vantare una certa esperienza nel settore, dovranno riqualificare il bene e avranno tutto il tempo per ammortizzare le spese affrontate».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email