Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Regione, 120 milioni per ridurre i consumi energetici
Le risorse per palazzi di città, scuole e reti elettriche

I decreti di finanziamento verranno consegnati domani dal presidente, Nello Musumeci, e dall'assessore Alberto Pierobon. A beneficiarne saranno anche e-Distribuzione e Terna, le società che gestiscono le forniture nel Paese

Simone Olivelli

Quasi 40 milioni per interventi in edifici pubblici, oltre 43 per infrastrutture elettriche gestite da e-Distribuzone e, infine, più di 36 milioni per una stazione elettrica a Vizzini e per la direttrice Partinico-Partanna, entrambe gestite da Terna spa. Sono i numeri complessivi dei decreti di finanziamento che domani verranno consegnati dal presidente della Regione, Nello Musumeci, e dall'assessore all'Energia, Alberto Pierobon, nel corso di un incontro a cui prenderanno parte anche gli amministratori delle due società: Vincenzo Ranieri, per e-Distribuzione, la società del gruppo Enel che gestisce in Italia le reti a media e bassa tensione, e Luigi Ferraris, per Terna, il soggetto che ha in gestione la rete di trasmissione nazionale.

I soldi, per quanto riguarda i finanziamenti agli enti locali, saranno destinati alla realizzazione di opere pubbliche che promuovano la riduzione dei consumi di energia. A essere interessati sono una quarantina di enti locali, tutti Comuni più il libero consorzio di Ragusa, che in una prima fase dell'esame delle istanze era stato escluso. Le risorse verranno spese per palazzi di città, istituti scolastici, centri per anziani, uffici comunali, ma anche asili e per la realizzazione di impianti fotovoltaici

Nel complesso sono 63 i decreti di finanziamento: a beneficiarne sono tanto le grandi città come Catania - che riceverà oltre due milioni e mezzo per l'efficientamento energetico dell'istituto comprensivo Carducci, del circolo didattico Mario Rapisardi e per la Livio Tempesta - e Caltanissetta, che ha avuto l'ok per i progetti riguardanti gli istituti Russo e Martin Luther King, ma anche i piccoli centri come Malfa, nelle Eolie, che avrà un finanziamento da 800mila euro per il municipio, o Cassaro, in provincia di Siracusa, dove i soldi verranno spesi per la riduzione dei consumi di energia nella locale scuola elementare. Il finanziamento più corposo - quasi un milione e 180mila euro - va al Comune di Troina, che ha presentato un progetto per la riqualificazione energetica degli uffici di via Graziano. All'ex Provincia di Ragusa, invece, andrà in totale un milione 850mila euro per l'efficientamento di tre edifici consortili.

Questo l'elenco dei Comuni che riceveranno finanziamenti: Balestrate, Ferla, Ravanusa, Sant'Elisabetta, Santa Teresa di Riva, Delia, Cassaro, Aidone, Sortino, Pollina, Ravanusa, Cesarò, Buseto Palizzolo, Itala, Gaggi, Floresta, Palazzolo Acreide, Catenanuova, Mazzarrone, Palagonia, Torrenova, Roccalumera, Longi, Casalvecchio Siculo, Petralia Sottana, Mazzarrà Sant'Andrea, Reitano, Maletto, Mongiuffi Melia, Marineo, Libero consorzio di Ragusa, Palma di Montechiaro, Pace del Mela, San Cono, Caltanissetta, Barcellona Pozzo di Gotto, Scordia, Frazzanò, Troina, Tremestieri Etneo, Catania, Malfa. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email