Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Migranti, rinchiuso in ex Cie ed espulso ingiustamente
Il giudice gli dà ragione ma lui è stato già rimpatriato

Il 30enne Ben Salem Sofiem era andato alla polizia di Vittoria per il rinnovo del permesso di soggiorno, ma è stato fermato. «La vicenda ha dell’incredibile. Valutiamo il ricorso alla Corte di Giustizia Europea per violazione dei diritti fondamentali», dice il suo avvocato

Pamela Giacomarro

Foto di: oim

Foto di: oim

Si era opposto al suo trattenimento all’Hotspot di Trapani e il giudice di pace gli aveva dato ragione. Ma quando il suo avvocato si è recato nei locali dell’ex Cie per comunicargli l’esito favorevole del ricorso, ha scoperto che il suo assistito era già stato rimpatriato. Protagonista della vicenda il tunisino Ben Salem Sofiem, di 30 anni, originario di Mahdia. 

In Italia da diversi anni, munito di passaporto e con un regolare rapporto di lavoro subordinato fino al prossimo mese di dicembre, il nordafricano - che assieme ad uno zio ed un cugino viveva a Vittoria dove lavorava come bracciante nell’azienda agricola Giacomo Campoccia - si è presentato al locale commissariato verso la fine di settembre per eseguire i rilievi dattiloscopici utili al rinnovo del suo permesso di soggiorno. Qui il colpo di scena: il giovane, infatti, è stato fermato e trasferito all’hotspot di Trapani, con richiesta di trattenimento avanzata dal questore di Ragusa. Il permesso di soggiorno, infatti, risultava scaduto dal 2013. Ma nonostante il 30enne avesse tutti i requisiti per richiederlo - tra cui il contratto, che si può siglare anche presentando la ricevuta rilasciata dalla Questura quando si avvia la pratica per il rinnovo del permesso - è stato fermato.

Lo scorso 4 ottobre, il trattenimento era stato convalidato dal giudice di pace della città falcata. Ben Salem Sofiem, assistito dall’avvocato Peppe Novara, ha presentato istanza di Riesame che al termine dell’udienza del 12 novembre è stata accolta. Due giorni prima, però, il tunisino era stato rimpatriato e cioè prima dell'ultimo pronunciamento che gli è stato favorevole. Ieri mattina il legale si è recato all’hotspot di contrada Milo per le procedure di rilascio del giovane nordafricano, scoprendo così che il trentenne era stato rimpatriato lo scorso 10 di novembre, due giorni prima dell’udienza. 

«Il mio assistito – dice il legale – non poteva essere rimpatriato in pendenza di un procedimento giurisdizionale. La vicenda ha dell’incredibile. Per ore sono rimasto in attesa di notizie. Adesso, dopo aver contattato i familiari, il primo passo sarà quello di far rientrare il giovane in Italia non escludendo la possibilità di un ricorso alla Corte di Giustizia Europea per violazione dei diritti fondamentali».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×