Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Viabilità provinciale, poteri speciali alla Sicilia 
Toninelli: «Sembrano strade del dopoguerra»

Breve conferenza stampa congiunta tra il governatore Nello Musumeci e il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli. Verrà nominato un commissario straordinario per accelerare gli iter burocratici delle gare d'appalto sulle strade provinciali

Miriam Di Peri

Il ministro Danilo Toninelli arriva in Sicilia e annuncia che per la viabilità provinciale, ridotta ormai a colabrodo, si adotterà il modello Genova. Un commissario straordinario e maggiori poteri, per premere sull'acceleratore e mettere in sicurezza le strade secondarie nell'Isola. Il padrone di casa a palazzo d'Orleans, Nello Musumeci, ha parlato di «irragionevole stato di degrado della viabilità secondaria», portando ad esempio i tempi biblici, «a volte - ha detto - anche di tre anni» per completare l'iter di una gara d'appalto.

La ragione per cui «al di là delle appartenenze politiche è necessario lavorare insieme» ha aggiunto Toninelli è proprio per cercare di accorciare quei tempi. Per questo, «forse già nel prossimo consiglio dei ministri», sarà nominato un commissario straordinario per la Sicilia, il cui nome verrà stabilito di concerto con la Regione, per «mettere in condizione di ordinarietà una situazione che al momento appare assimilabile, per buona parte dei 26mila chilometri di strade provinciali, a quelle postbelliche». Per farlo, Toninelli parla di «adozione del modello Genova». Precisando anche: «Sappiamo che il ponte ancora non c'è, ma lasciateci lavorare».

«Servono interventi ordinari e straordinari - aggiunge il ministro dei Trasporti - sono qui a proporre un commissario straordinario governativo che non si sostituisca alla Regione, ma che integri. Un nome proposto dalla Regione con la condivisione di tutti. Lo dico con grande sincerità: oggi lo Stato torna a interessarsi concretamente della Sicilia».

«Non ci interessano - sottolinea ancora il ministro - i nomi di chi ha fatto o non fatto qualcosa o chi ha fatto disastri. Musumeci è arrivato solo pochi mesi prima di me alla Regione. Qui bisogna riprendere in mano la situazione. E se servono poteri speciali lo faremo. Così in pochi mesi qualche cantiere può essere sbloccato». Il commissario dovrebbe avere «poteri speciali sul modello Genova - sottolinea ancora Toninelli - da esportare qui perché con le procedure ordinarie non si va avanti. Spero già stasera di parlarne, fuori sacco, in Consiglio dei ministri».

Toninelli ha accennato inoltre allo stato dei lavori lungo le infrastrutture più importanti, ammettendo di non essere «contento di come stanno andando le cose nei cantieri Rfi e Anas in Sicilia, hanno il mio fiato sul collo».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Partecipa al sondaggio

e ricevi gratuitamente un nostro eBook

Considerato che MeridioNews non gode di contributi pubblici, quanto saresti disposto a pagare al mese per leggerlo?

Non pagherei 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Vorremmo inoltre non dipendere dagli inserzionisti. Quanto saresti disposto ad aggiungere per leggere MeridioNews senza pubblicità?

Niente, terrei la pubblicità 1 € 2 € 3 € 4 € 5 €

Grazie per aver partecipato al sondaggio

Voglio ricevere l'eBook

Non voglio ricevere l'eBook

Inserisci la tua Email