Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

FlixBus sbarca in Sicilia, tutte le città dei bus low cost
«Obiettivo è creare mobilità dov'è ancora troppo poca»

Diciassette nuovi punti tutti sull'Isola si aggiungono alla mappa della zona coperte dalla start-up tedesca, «sempre nell'ottica di dare la possibilità di viaggiare a persone che vivono in territori scollegati dalle reti tradizionali», dicono dall'azienda a MeridioNews

Marta Silvestre

Diciassette nuovi puntini verdi si aggiungono alla mappa di FlixBus e sono tutti in Sicilia. Il giovane operatore della mobilità, che negli ultimi anni ha creato la rete di autobus intercity più estesa d'Europa, arriva sull'Isola. «I passeggeri siciliani - comunicano da FlixBus in attesa della conferenza in cui verranno spiegati tutti i particolari - avranno accesso a un network di oltre duemila città in 28 Paesi europei e il territorio stesso potrà beneficiare di nuovi arrivi con ricadute positive per il turismo locale». Una rivoluzione dei collegamenti per la Sicilia i cui particolari verranno illustrati nella conferenza stampa che si terrà il 15 novembre a Palermo, durante la quale sarà presente oltre managing director di FlixBus Italia, Andrea Incondi, anche l'assessore al Turismo Sandro Pappalardo.

Viaggi diretti o con cambi che metteranno in collegamento a prezzi competitivi 17 città siciliane con quelle già presenti nella fitta rete di Flixbus. Tra le tratte più frequenti si potrà andare da Catania a Roma con meno di 28 euro e ne basteranno circa 58 euro per raggiungere Milano partendo da Palermo. Non solo percorsi già tracciati, ma anche connessioni meno usuali, per esempio da Modica a Brescia con poco più 50 euro e da Termini Imerese a Perugia con circa 35 euro. E non solo in Italia: Lentini-Marsiglia (a 69 euro), Caltanissetta-Zagabria (73 euro) o ancora Enna-Munich (62 euro).

Agrigento, Caltanissetta, Canicattì, Catania, Cefalù, Comiso, Enna, Lentini, Messina, Milazzo, Modica, Palermo, Patti, Ragusa, Santo Stefano di Camastra, Taormina e Termini Imerese. Sono queste le città siciliane da cui è già possibile prenotare sul sito online i biglietti per viaggi in autobus acquistabili a partire da lunedì 3 dicembre. «Ci stiamo espandendo in tutto il territorio sia italiano che europeo - dicono da FlixBus a MeridioNews - sempre nell'ottica di dare possibilità di viaggiare a persone che vivono in territori scollegati dalle reti tradizionali per gap infrastrutturali o per qualsiasi altro motivo. Il nostro obiettivo ovunque è quello di creare mobilità dove non ce n'è e di migliorarla e aumentarla dov'è ancora troppo poca». E, in Sicilia, da questo punto di vista c'è molto lavoro ancora da fare. Una innovazione degli spostamenti con offerte adatte a tutte le tasche.

«Viaggi in autobus a partire da 5 euro», è lo slogan della start-up tedesca - fondata da tre giovani imprenditori a Monaco di Baviera - che oggi conta già oltre 100 milioni di passeggeri (di cui 40 milioni solo nel 2017). «Da poco - aggiungono da FlixBus - in ottica di espansione globale abbiamo aggiunto anche delle tappe negli Stati Uniti». Dall'app gratuita è possibile non solo prenotare i viaggi usufruendo sempre di promozioni e buoni sconto, ma anche localizzare FlixBus, cioè conoscere in tempo reale la posizione dell'autobus per controllare «quanto manca per arrivare a destinazione o, semplicemente, se si ha tempo per un caffè prima della partenza».

Flashnews

Tutte le Flash

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×