Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Donna uccisa a Ragusa, pm interroga il marito
Polizia acquisisce riprese di videosorveglianza

Per tutta la notte, la magistrata Giulia Bisello ha sentito il marito di Maria Zarba, la 66enne trovata morta in casa ieri sera con il cranio fracassato. Si attende in città l'arrivo dei quattro figli della vittima. A trovare il corpo è stato il nipote. Guarda la foto 

Piero Burrugano

Sono finite introno alle 2 di notte le rilevazioni della polizia scientifica a casa di Maria Zarba, la donna di 66 anni trovata morta ieri sera nella sua casa di Via Odierna nel centro storico di Ragusa. Al momento la polizia non ha eseguito nessun provvedimento nei confronti di una persona specifica. La donna è stata trovata dal nipote in una pozza di sangue e con il cranio fracassato nella casa in cui abitava a pochi passi dalla cattedrale di San Giovanni Battista. Le urla del giovane hanno richiamato l’attenzione del vicinato e dei passanti.

A lavorare al caso è la squadra mobile di Ragusa coordinate da Antonino Ciavola. Si cerca di capire chi sia l'assassino e quale il movente. Al momento da parte degli inquirenti vige il massimo riserbo. Il questore, Salvatore La Rosa, informato costantemente sulle indagini, per il momento si limita a confermare che si è trattato di «una morte violenta». La procura di Ragusa ha aperto un fascicolo per omicidio, affidato alla pm Giulia Bisello. La magistrata, per l'intera notte, ha sentito il marito della vittima, un tecnico in pensione del Liceo Classico “Umberto I” di Ragusa, e altri familiari. Non si esclude nessuna pista. La polizia ha anche prelevato immagini di una telecamera di videosorveglianza di un vicino b&b, che puntavano direttamente sulla porta dell'abitazione.

Maria Zarba era una donna molto conosciuta in città per la sua opera costante di volontariato. Era una ministra straordinaria della comunione e portava l’ostia agli ammalati a casa. Nonostante i tanti problemi di salute non lesinava il suo aiuto in favore dei più deboli. Tutti quelli che la conoscevano la descrivono come «una donna buona e che faceva sempre del bene al prossimo». 

La vittima aveva quattro figli, che vivono fuori Ragusa e che in queste ore stanno rientrando in città dopo avere appreso la tragica notizia. La salma, dopo l’ispezione cadaverica, è stata portata all’obitorio dell’ospedale Maria Paternò Arezzo dove verrà eseguita l’autopsia.Al momento comunque non c’è nessun indagato.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×