Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Demanio marittimo, finanza negli uffici della Regione
Indagine sulla mancata riscossione dei canoni dei lidi

La Corte dei conti ha aperto un'inchiesta sulla gestione delle concessioni delle coste siciliane. I dati riguardanti gli introiti sono decisamente bassi. In passato il governo Crocetta aveva aumentato il valore degli affitti, salvo poi tornare indietro pochi mesi dopo

Simone Olivelli

«Potremmo tornare indietro nel tempo anche di dieci anni, bisogna vedere cosa quanta documentazione troveremo». La frase è di uno dei militari che nelle ultime ore si sono presentati negli uffici della Ragioneria generale della Regione e in quelli del dipartimento Territorio e Ambiente. Guardia di finanza e Capitaneria di porto hanno ricevuto la delega dalla Corte dei conti nell'ambito di un'indagine aperta per verificare la gestione del demanio marittimo regionale. Nel mirino della procura contabile c'è infatti la riscossione dei canoni che i gestori degli stabilimenti situati nelle coste sono chiamati a corrispondere, in cambio della possibilità di sfruttare le bellezze dei litorali. 

La questione è una: la Sicilia riscuote una cifra decisamente più bassa rispetto a quanto ci si aspetterebbe da una regione circondata dal mare. Cifre non paragonabili, per esempio, a ciò che riesce a fare l'Emilia Romagna, pur essendo bagnata dal mare soltanto per un tratto. L'indagine della Corte dei conti punta a individuare eventuali inadempienze da parte della pubblica amministrazione, anche se non è escluso il concorso della parte politica. L'arrivo delle forze dell'ordine negli uffici non può peraltro essere definito una sorpresa. Nel 2017, nella relazione con cui la Corte dei conti bocciava il bilancio regionale, si leggeva: «La gestione, ancorché formalmente corretta sotto il profilo della rendicontazione, è ben lungi dal potersi considerare soddisfacente e lascia trasparire seri profili di illecito erariale per i quali sarà attivata la locale Procura regionale». Nel testo si sottolineava inoltre come l'ultimo censimento risalisse al 2011. 

In tempi più recenti il demanio marittimo è finito al centro dell'attenzione dell'assessorato guidato da Toto Cordaro. La difficoltà a reperire la documentazione completa è emersa di pari passo con il sentore che l'intero settore sia da anni pressoché fuori controllo. Un tentativo di regolamentare il sistema delle concessioni, innalzando anche il valore delle stesse, a dire il vero era stato fatto nel 2013, quando l'allora governo Crocetta si apprestava ad approvare la prima finanziaria: la giunta guidata dall'ex sindaco di Gela propose - e poi inserì nella legge di stabilità - un aumento del 600 per cento dei canoni, prevedendo una crescita degli introiti di 32 milioni, passando da otto a 40. Così però non fu, e non solo per motivi legati all'operatività degli uffici. Poco dopo, infatti, un decreto dell'assessora e vicepresidente della Regione Mariella Lo Bello prorogò fino alla fine del 2015 le concessioni alle stesse condizioni vigenti. 

Tornando al presente, mancavano pochi giorni a ferragosto, quando la Regione ha inviato 63 commissari ad acta in altrettanti Comuni per la mancata redazione dei piani di utilizzo delle coste. Ovvero gli strumenti fondamentali per determinare l'urbanizzazione dei litorali e, al contempo, rilasciare eventuali nuove concessioni. Il tema del demanio marittimo, infine, è venuto fuori infine anche in seguito alle azioni che hanno interessato il demanio boschivo. A partire dalle problematiche inerenti le modalità poco trasparenti con cui in passato le concessioni venivano rilasciate, specialmente per quanto riguarda il raro ricorso alle gare pubbliche. 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Elezioni comunali 2019 in Sicilia

Il 28 aprile 2019 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×