Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Castellammare, aggredisce genitori e carabinieri
Durante controlli per presunto possesso di armi

I militari della stazione di Balata di Baida hanno arrestato Stefano Di Falco. Il 35enne, già pregiudicato e domiciliato a Como, alla vista delle forze dell'ordine ha cercato di colpirli. Minacce di morte anche ai familiari

Redazione

I Carabinieri del Comando Stazione di Balata di Baida (TP), nel pomeriggio di sabato 25 agosto u.s. hanno tratto in arresto, per minacce, resistenza a pubblico ufficiale, oltraggio e lesioni personali aggravate il pregiudicato castellammarese DI FALCO Stefano, classe 1983, residente a Castellammare del Golfo (TP) ma domiciliato a Como (CO). I Militari dell’Arma intervenivano, nel pomeriggio di sabato, presso l’abitazione dell’uomo, soggetto a loro molto noto, dovendo eseguire una perquisizione domiciliare che scongiurasse il suo possesso di eventuali armi.

Giunti sul posto, gli uomini dell’Arma spiegavano al DI FALCO il motivo della loro presenza ma, udite le parole dei Carabinieri, l’uomo cercava immediatamente di impedire ai militari di compiere il loro dovere, opponendosi fisicamente ed aggredendoli con spintoni e calci. Nonostante i Carabinieri tentassero di ricondurlo alla calma, il DI FALCO andava letteralmente in escandescenze e, scatenando la sua ira anche contro i genitori minacciandoli di morte e apostrofandoli con epiteti irripetibili, continuando ad aggredirli in un crescendo di violenza inaudita, al punto tale da costringere i militari ad arrestarlo.

A seguito dell’aggressione, tre militari riportavano lesioni per le quali dovevano ricorrere alle cure dei sanitari presso il Pronto Soccorso dell’Ospedale di Alcamo, che dopo aver prestato le prime cure del caso, riconoscevano i militari necessitanti di un periodo di convalescenza. Al comportamento dell’uomo, particolarmente pericoloso, si aggiungevano i timori confessati dai familiari, i quali chiedevano ai Carabinieri di aiutarli in quanto preoccupati che il DI FALCO potesse attentare anche alla loro incolumità.

L’uomo veniva quindi tratto in arresto e, dopo le formalità di rito, veniva associato - su disposizione dell’Autorità Giudiziaria - presso la Casa Circondariale di Trapani, in attesa del rito direttissimo svoltosi ieri, a seguito del quale gli è stato imposto il divieto di dimorare in provincia di Trapani e di comunicare in qualsiasi modo con i familiari residenti a Castellammare del Golfo.

(Fonte: Comando provinciale dei carabinieri di Trapani)

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×