Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Sciacca, squalo catturato e tenuto sulla terraferma
Mareamico: «Tortura inutile, segnalati all'autorità»

Il video divulgato sui social network ritrae due uomini tenere fermo, con l'aiuto di un bastone, un esemplare di verdesca. L'azione si è svolta all'interno dell'area della Lega Navale. «A farlo è stato un nostro socio», ammettono dall'organizzazione

Simone Olivelli

Dopo l'iniziale paura, la cattura e la tortura. A denunciare quella che dalle immagini appare un'inutile gesto di crudeltà nei confronti di uno squalo è l'associazione Mareamico, che condivide sulla propria pagina Facebook un video riguardante uno squalo portato sulla terra ferma e tenuto fermo da due persone: la prima seduta sopra, la seconda che con un bastone pressa in una parte non distante dalla bocca. 

Nella ripresa si sente una donna chiedere: «Ma perché fai questo? Perché lo stuzzichi?» e uno dei due uomini rispondere «No, volevo vedere se mozzicava». Poi un giovane avanza scherzosamente la proposta di trasformarlo in sushi e un altro uomo mettere in guardia i due sottolineando che lo squalo è «tradimintusu». C'è poi infine chi suggerisce di chiamare la Capitaneria di porto. «Lo scorso 14 agosto la stampa ha segnalato la presenza di uno squalo presso una spiaggia di Sciacca in località Tonnara a pochi metri dalla riva - si legge nel comunicato di Mareamico -. Successivamente si è saputo che lo squalo era stato allontanato ed aveva ripreso la navigazione. Nella giornata di ieri abbiamo ricevuto, invece, un video che faceva vedere che lo squalo in questione era stato catturato, torturato ed ucciso».

I fatti sono accaduti all'interno della Lega Navale. «Siamo venuti a conoscenza del video e certamente non è stata un'azione bella, è stato un nostro socio a compiere il gesto - ammette una donna al telefono -. Non so dirle altro, tranne che si trattava di un pesce innocuo». Intanto Mareamico, Wwwf e Marevivo hanno annunciato di avere segnalato l'episodio alle autorità competenti.
Le associazioni Mareamico, WWF Sicilia Area Mediterranea scientifica e Marevivo (nelle persone di Claudio Lombardo, Domenico Macaluso e Fabio Galluzzo) hanno appena segnalato alle Autorità Competenti questa inutile crudeltà, nei confronti di una creatura indifesa.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews