Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Massoneria, deputati dovranno dichiarare appartenenza
Primo sì alla proposta di Fava, ora il voto approda all'Ars

Il ddl presentato dal presidente dell'Antimafia regionale ha ricevuto l'ok della commissione Affari istituzionali. Ora la norma dovrà essere incardinata a Sala d'Ercole. Se passasse, la Sicilia sarebbe la prima regione a munirsi di questo strumento di trasparenza

Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Foto di: Miriam Di Peri

Se hanno aderito a una loggia massonica, dovranno renderlo noto entro i primi 90 giorni di legislatura. A imporre l'obbligo di dichiarazione per i deputati che siedono a Sala d'Ercole, ma anche per gli assessori regionali e per lo stesso presidente della Regione, è un disegno di legge presentato da Claudio Fava e approvato all'unanimità questa mattina in Commissione Affari istituzionali. 

Adesso la proposta normativa dovrà essere incardinata in Aula e approvata lì, prima che diventi legge regionale. Se dovesse approdare alla Gazzetta Ufficiale, la Sicilia sarebbe la prima regione italiana a dotarsi di questo strumento di trasparenza utile al cittadino a conoscere anche questo aspetto della vita privata dei propri pubblici rappresentanti. 

Secondo il presidente della Commissione regionale antimafia, «questo voto segna un importante passo avanti nella direzione della trasparenza istituzionale. Siamo fiduciosi che adesso celermente il Parlamento vorrà votare e rendere effettiva la nuova norma. I recenti fatti di cronaca dimostrano quanto sia necessaria e indifferibile una norma che consenta a tutti gli elettori un giudizio compiuto e consapevole su amministratori ed eletti».

Secondo il testo approvato, i rappresentanti istituzionali della Regione, entro tre mesi dalla proclamazione, dovranno rendere una dichiarazione, anche negativa, «sull'eventuale appartenenza a qualunque titolo ad associazioni massoniche o similari che creano vincoli gerarchici, solidaristici e di obbedienza, precisandone la denominazione, qualora tale condizione sussista».

Nei 60 giorni successivi all'entrata in vigore della norma, «il Presidente dell'Assemblea regionale siciliana, d'intesa con l'Ufficio di Presidenza, dovrà stabilire le sanzioni collegate al mancato deposito della dichiarazione».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Nebrodi, tra mafia e rilancio

È il polmone verde più grande della Sicilia. Ma anche il luogo dove una criminalità violenta ha regnato incontrastata per anni

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×

Abbonati a MeridioNews
il primo mese è gratuito

Raccontiamo il tuo quotidiano

×

Dall'8 luglio per leggere su smartphone e tablet le notizie di MeridioNews chiediamo il tuo supporto. In cambio avrai accesso a tutti i contenuti, inclusi quelli speciali, senza pubblicità invasiva.

Disabilita AdBlock

Disabilita le estensioni "AdBlock" e ricarica la pagina per leggere MeridioNews