Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Messina: sequestro da 9 milioni a un imprenditore 
Patrimonio sarebbe riconducibile all'attività usuraia

La Dia del capoluogo peloritano, supportata dal centro operativo di Catania, ha sequestrato aziende, immobili, terreni e mezzi a Nunzio Ruggieri. A fare il suo nome sarebbe stato anche un collaboratore di giustizia legato alla mafia dei Nebrodi. Guarda il video

Redazione

Due imprese con capitale sociale e compendio aziendale, 20 unità immobiliari tra fabbricati e terreni, 23 mezzi personali e aziendali e quota pari al 20 per cento di un consorzio per un valore complessivo di nove milioni di euro. È quanto è stato sequestrato questa mattina all'imprenditore Nunzio Ruggieri di Naso, in provincia di Messina, dalla Direzione distrettuale antimafia messinese, supportata dal centro operativo di Catania. L’attività d’indagine economico-finanziaria che ha portato all’esecuzione del provvedimento di sequestro, ha permesso di accertare che Ruggeri, pur non avendo dichiarato redditi ufficiali sufficienti, sarebbe riuscito con l’illecita attività usuraia a incrementare il suo patrimonio personale e imprenditoriale, anche intestandolo a parenti diventati suoi fidati prestanome.  

L'imprenditore, operante nel settore della macellazione e commercializzazione del pellame, è stato menzionato dal collaboratore di giustizia Santo Lenzo, legato ai sodalizi mafiosi nebroidei, per alcuni collegamenti con elementi di vertice della criminalità organizzata tortoriciana. Nello specifico, oltre allo stesso Lenzo, Ruggieri avrebbe avuto rapporti anche con Cesare Bontempo Scavo e con Carmelo Armenio, il referente della criminalità organizzata sul territorio di Brolo, in provincia di Messina.

In particolare, da alcune dichiarazioni risalenti al 2002 del collaboratore gli inquirenti hanno ricostruito che Ruggieri, nel 1999, tramite Armenio « aveva chiesto che fossero incendiati i mattatoi di Sinagra, Barcellona Pozzo di Gotto e Giammoro, impegnandosi, nel contempo, a versare 50.000.000 lire all’organizzazione mafiosa» che lo avrebbe favorito. L’intento criminoso non giunse a compimento «per l’opposizione dei rappresentanti della criminalità organizzata barcellonese». 

Nel curriculum di Ruggieri anche una condanna in Appello nel 2009 per la sua attività usuraia. In particolare, tra gli anni 1998 e 2000, l'imprenditore avrebbe messo in atto un comportamento illecito nei confronti di un dipendente di banca che, per la sua personalità facilmente condizionabile, aveva generato all'istituto di credito un dissesto economico per circa 76 milioni di lire attraverso la negoziazione di tre assegni. Nel tentativo di ripianare la situazione, l'impiegato bancario si sarebbe rivolto a diversi soggetti, tra i quali anche il Ruggieri, per ottenere prestiti che poi si sarebbe evidenziato essere di natura usuraia.  

Nel 2002, insieme ad altre venti persone, Ruggieri è stato denunciato dalla guardia di finanza di Melito Porto Salvo (in provincia di Reggio Calabria), quale utilizzatore di fatture per operazioni inesistenti emesse da una società di San Lorenzo (Reggio Calabria) operante nel commercio all’ingrosso di cuoio e pelli. Falso ideologico aggravato e truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche sono i reati per cui l'imprenditore è stato denunciato nel 2005 dal nucleo antifrodi del comando carabinieri politiche agricole e alimentari di Roma. Rinviato a giudizio anche come legale rappresentante di una società oggi sotto sequestro. 

Altra indagine in cui Ruggieri è stato rinviato a giudizio, è quella dei carabinieri di Sant'Agata di Militello nel 2012. In quel caso, il reato era  usura continuata in danno di un imprenditore agrumicolo cui aveva applicato tassi di interesse del 10 per cento mensili su somme prestate illecitamente. Nel 2016, infine l'imprenditore è stato rinviato a giudizio alla procura di Patti, per abusivismo finanziario, a seguito di attività d’indagine della guardia di finanza di Capo d’Orlando che ha rivelato l’illecita concessione di mutui con numerosi pagamenti di somme di denaro per complessivi 794.225 euro, tra il 2005 ed il 2010, 

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×